1. Anonimo

    Ho letto molti articoli suinternet devo però dire che sarei sempre intenzionato di ricavarmi l’estratto dell’aloe dalla foglia della pianta (: tagliata, lavata, pelata togliendo la scorza, fatta a pezzi e messa in un frullatore) messo nel frigo per poi prenderne 1 cucchiaino prima dei pasti. Posso sapere il vs parere in merito? Grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non condivido il fai da te nella produzione e sopratutto nell’estrazione dei principi attivi di origine vegetale; ritengo che i potenziali rischi siano superiori al beneficio economico che ne deriverebbe.
      Può essere didatticamente interessante, ma personalmente non lo userei.

  2. Anonimo

    La mia intenzione di ricorrere al fai da te era dettata dal fatto che non sono riuscito a trovare in commercio l’aloe arborescens in gel, priva però sia dell’alcool ( sono astemio) sia del miele ( ipercolesterolemia familiare). Potreste aiutarmi dandomi qualche suggerimento? Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Effettivamente non conosco nulla con le caratteristiche richieste, anche se personalmente non comprendo il nesso fra miele ed ipercolesterolemia.

    2. Anonimo

      non so se è riuscito a trovare l’aloe gel che cercava – ho letto il suo annuncio solo oggi – se le interessa puo’ contattarmi – buona giornata

    3. Anonimo

      riguardo al gel ed al prodotto può andare su azienda ” il Pucino ”
      faccia la ricerca su google. Le posso garantire che sono gli unici prodotti di cui fidarsi.
      saluti

    4. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Grazie per la segnalazione, ma dire che è l’unica azienda degna di fiducia mi sembra un po’ esagerato…

  3. Anonimo

    salve,vorrei che la speranza che stò perdendo nei dermatologi possa farmi trovare pace con cose naturali.Non mi allungo,piccole bolle sottopelle palmo plantare,con con dolore e prurito da impazzire,desquamazione e ferite,diagnosi tutte quelle possibili del dialetto medico,cure senza esito.Cortesemente,indirizzatemi per una soluzione. Grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Temo purtroppo di non essere in grado di aiutarla: se in questo momento non sta seguendo cure non ci sono controindicazioni a provare con Aloe e/o calendula, ma non riporrei eccessive speranze.

    2. Anonimo

      proverei con la tea tree, sia in crema con qualche goccia di olio tea tree, pediluvi con sali del mar morto…..i sintomi che ha elencato sono simili al piede dell’atleta, di cui ne ha sofferto tantissimo mio figlio…..adesso sta quasi in paradiso con le cure naturali….
      Le consiglio i prodotti swisscare.
      Spero di averle dato una mano.
      Saluti

    3. Anonimo

      Ciao Luciano,
      io personalmente ho avuto problemi di pelle (acne) per più di 10 anni e non saprei dirti quanti medici, naturopati, dermatologi, estetiste ecc ho “provato” per trovare una soluzione. Quando ho conosciuto Aloe Vera (solo 10 anni fa) all’età di 33 anni la mia dermatologa mi ha detto: “puoi anche provare aloe ma non credo che ti faccia granchè”. Fortunatamente ho provato lo stesso – sia per uso interno la bevanda, sia sapone liquido, e creme – e entro 4 mesi il mio problema era sparito. Io ti consiglierei di provare semplicemente. Per uso interno ed esterno. Bere Aloe fa sempre bene, anche per il sistema immunitario ecc. Prova: ma con costanza e serietà, ogni giorno per qualche mese.
      saluti, Tina Hahn

    4. Anonimo

      prova con il Kelua della Ducray, e’ miracolosa, anche per la dermatite atopica nei bambini. ho provato di tutto ed ho risolto solo con quella…….le mie amiche con stessi problemi ancora mi ringraziano.

    5. Anonimo

      keluan. lozione della ducray………ho sbagliato

  4. Anonimo

    per luciano: hai provato ad andare da un esperto in parassiti intestinali? io vado da un bravo medico, specializzato in omeopatia ed in problematiche relative all’apparato gastro-intestnale. I sintomi che descrivi POTREBBERO essere ricondotti ad un problema di parassotosi. Se fosse così, si cura con farmaci appositi in breve tempo.

    1. Anonimo

      grazie x il consiglio,già fatto e prese anche pastiglie in merito,ma senza alcun esito.

  5. Anonimo

    Sono attualmente in cura per un herpes zoster, che mi ha provocato una paresi al volto.
    Sono alla 3 settimana di terapia (antivitale x 7 gg – cortisone 50 mg 1 sett. – 25 mg. 2 sett. 12,5 mg. 3 sett – 6 mg 4 sett.) la situazione è in miglioramento con una ripresa
    quasi completa della mobilità. Volevo tuttavia a termine cura fare quacosa di disintossicante per il fegato e per ‘sgonfiare’ ho anche la pressione leggermente alta 150 – 80. L’aloe può essere utile ? Con che modalità prenderla?

    Grazie per la gentile risposta
    Luisa Pedron

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La pressione a mio avviso è più che “leggermente” alta ed andrebbe trattata separatamente se si mantenesse la massima su questi valori; per il gonfiore le consiglio di bere abbondantemente, da questo punto di vista terminata la cura cortisonica risolverà in breve tempo.

    2. Anonimo

      Salve, sono Stefano e sono un distributore della Forever Living, se ha piacere avere qualche delucidazione sulle molteplici usi sia interni che esterni dell’aloe non esiti a contattarmi. Grazie. 348/4790970 [email protected]

  6. Anonimo

    l aloe alborescens senza alcool e miele naturale la produce la forever è ottima e sopratutto senza aggiunta di acqua, la forever ha anche linee di cosmetica curative a base di aloe barbadensis se volete saperne di più andate su fb sul gruppo amici dell aloe la pianta che cura, questo gruppo l ho creato io, sono anni che mi occupo di aloe vera, per qualsiasi chiarimento mi potete contattare sulla posta privata del gruppo. saluti

  7. Anonimo

    Buongiorno ! Mia figlia sta utilizzando l’aloe della forever da circa un mese emmezzo…Vorrei sapere se c’è qualche controindicazione in gravidanza dal momento che ha in programma un bimbo.E’ meglio che sospenda? Grazie!:)

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Personalmente sono dell’idea che in gravidanza vada sospeso tutto ciò che non è essenziale.

    2. Anonimo

      Grazie x avermi risposto! 🙂

    3. Anonimo

      Ciao Lalla,
      Bevo Aloe Vera della Forever da quasi 10 anni e sono anche naturopata, inoltre incaricata alle vendite della Forever.
      Immagino che intanto tua figlia ha interotto l’assunzione di Aloe Vera ma non era necessario: Aloe è nient’altro che una bevanda salutare e se (come nei prodotti della Forever che usate voi) non c’è la buccia dentro si può prendere tranquillamente anche in gravidanza. Ho diversi testi sul tema, se vuoi contattami e te li mando: [email protected]
      saluti, Tina

    4. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La ringrazio per il suo punto di vista: mi permetto tuttavia di sottolineare che in letteratura non ci sono conferme sulla sicurezza dell’aloe per via orale in gravidanza, personalmente continuo quindi a suggerire estrema cautela e, al limite, il parere del ginecologo.

  8. Anonimo

    Ciao assumo cortisone da 22 anni x gestire un artrite reumatoide ho delle ulcere alle gambe da quasi 2 anni che non vogliono chiudersi. Mi è stato detto di provare con l ALOE come lo posso assumere x via orale o topica? Dove posso trovare i preparati?grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Si acquistano in farmacia, ma personalmente suggerirei cautela con l’utilizzo di rimedi di questo tipo; sarebbe preferibile rivolgersi a personale medico specializzato.

  9. Anonimo

    Mi piacerebbe essere informata se prendendo certi tipi di medicine di tipo EUTIROX, CITALOPRAN e LODOZ avendo certi tipi di cure possiamo assumere ALOE VERA quotidianamente. Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      L’aloe può avere effetti lassativi, quindi è innanzi tutto necessario distanziarne l’assunzione dai farmaci di almeno 3-4 ore; sempre per questi effetti lassativi si può avere una perdita superiore al normale di potassio, che potrebbe esacerbare (aumentare eccessivamente) quella indotta dal diuretico contenuto in Lodoz. Da questo punto di vista è necessario quindi assicurarsi di evacuare sempre feci ben formate.
      Direi che sono le uniche possibili interazioni.

  10. Anonimo

    Salve, frutto di una caduta ho subito un’ustione di 2°-3° grado ad una gamba all’altezza del polpaccio, da c.a un mese e mezzo la sto’ curando con pomate, da poco ho saputo delle cure con l’aloe definite da amici miracolose. Vorrei provare anch’io ma lo posso fare applicando la foglia tagliata a meta’ ed applicandola sulla parte o e’ meglio applicare il gel? Ogni quanto devo sostituire la foglia o il gel?
    Ringrazio x l’eventuale risposta che spero a breve potrete fornirmi. Ezio

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Personalmente, ma è un parere personale, su un’ustione di 3° grado mi appoggerei alla medicina tradizionale ed eventualmente ad un servizio infermieristico professionale per la medicazione dell’ulcera, se dopo 45 giorni non è ancora risolta.