Fumo e sigarette: quali sono i pericoli reali?

a cura di Dr. Roberto Gindro -Ultimo Aggiornamento: 3 marzo 2018

Il fumo di tabacco contiene sostanze chimiche pericolose?

Sì, il fumo di tabacco contiene sostanze chimiche pericolose sia per i fumatori che per i non fumatori. Respirare anche una modesta quantità di fumo è di fatto un rischio per la salute.

Tra le oltre 7000 sostanze chimiche presenti nel fumo di tabacco, almeno 250 sono note per essere dannose e pericolose, tra cui per esempio

  • acido cianidrico,
  • anidride carbonica,
  • ammoniaca.

Delle 250 sostanze chimiche pericolose presenti nel fumo di tabacco, almeno 69 possono causare tumori e tra queste ricordiamo:

  • arsenico,
  • benzene,
  • 1,3-butadiene (un gas pericoloso),
  • berillio (un metallo tossico),
  • cadmio (un metallo tossico),
  • cromo (un metallo),
  • ossido di etilene,
  • nichel (un metallo),
  • polonio-210 (un elemento radioattivo),
  • cloruro di vinile.

Ricordiamo infine anche altre sostanze chimiche tossiche presenti nel fumo di tabacco che sono ad oggi sospettate di essere causa dei tumori, come per esempio:

  • formaldeide,
  • benzo[a]pirene,
  • toluene.
Fotografia di un ragazzo che fuma

iStock.com/francesco_de_napoli

Quali sono i problemi che il fumo causa alla salute?

Il fumo danneggia praticamente tutti gli organi e ha quindi un impatto significativamente negativo sulla salute e sull’organismo.

Milioni di persone nel mondo soffrono di disturbi di salute causati dal fumo, che è una delle cause principali dei tumori e delle morti per tumore.

Causa

Fumare, inoltre, causa anche

Chi fuma corre rischi maggiori di soffrire di polmonite e di altre infezioni alle vie aeree.

Fumare durante la gravidanza aumenta il rischio di parto prematuro e di basso peso alla nascita del bambino. Se una donna fuma durante la gravidanza o subito dopo il parto, aumenta il rischio che il bambino muoia a causa della sindrome della morte improvvisa.

Negli uomini che fumano aumenta il rischio di disfunzione erettile.

Fumare sigarette, o essere comunque esposti al fumo di tabacco (fumo passivo), causa oltre 440.000 morti premature ogni anno solo negli Stati Uniti. Di queste morti premature

  • il 40% circa è dovuto al cancro,
  • il 35% a cardiopatia e infarto
  • e il 25% alle malattie polmonari.

In Italia il fumo è responsabile, secondo le stime, di un numero compreso tra 70.000 e 83.000 decessi l’anno, secondo l’OMS nel mondo più di sette milioni di morti all’anno.

Il fumo è la principale causa di morti premature ed evitabili con la prevenzione.

Indipendentemente dall’età, i fumatori possono ridurre drasticamente il rischio di contrarre malattie, tra cui i tumori, smettendo di fumare. Non è mai troppo tardi per smettere.

Quali rischi corrono i non fumatori a causa del fumo di tabacco?

Il fumo passivo (noto anche come esposizione al fumo di tabacco ambientale, fumo involontario e fumo di seconda mano) è frutto della combinazione di

  • fumo indiretto (quello rilasciato dalla combustione di tabacco),
  • fumo diretto (quello espirato dal fumatore).

Diversi organismi negli Stati Uniti hanno classificato il fumo passivo tra gli agenti cancerogeni. Respirare fumo passivo può causare il tumore ai polmoni negli adulti non fumatori. Il cancro ai polmoni uccide circa 3000 adulti non fumatori ogni anno negli Stati Uniti a causa del fumo passivo. Secondo alcune stime vivere con un fumatore aumenta le probabilità di contrarre il tumore ai polmoni del 20-30%, anche per chi non fuma.

Il fumo passivo può causare malattie gravi e la morte prematura tra gli adulti e i bambini non fumatori. Si stima che l’esposizione al fumo passivo possa aumentare il rischio di cardiopatia del 25/30%. Si calcola che negli Stati Uniti i morti per cardiopatia causata dal fumo passivo siano circa 46.000 ogni anno.

Le donne incinte esposte al fumo passivo corrono il rischio di dare alla luce neonati con un basso peso alla nascita.

I bambini esposti al fumo passivo corrono un maggior rischio di morte improvvisa in culla e di contrarre infezioni alle orecchie, raffreddori, polmonite, bronchite e gravi forme d’asma. Nei bambini l’esposizione al fumo passivo rallenta la crescita dei polmoni e può causare tosse, respiro affannoso e dispnea.

Il fumo crea dipendenza?

Anche in questo caso la risposta è incontestabilmente sì.

La nicotina è una sostanza stupefacente presente nella pianta del tabacco ed è la principale responsabile dell’assuefazione ai prodotti a base di tabacco, come le sigarette. Quando si fuma la nicotina penetra nei polmoni, viene rapidamente assorbita dal sangue e raggiunge il cervello nel giro di pochi secondi.

La molecola è in grado di causare un’assuefazione alle sigarette e ai prodotti a base di tabacco affine a quella provocata dalle droghe, come l’eroina e la cocaina.

Quanta nicotina è presente nelle sigarette e nei sigari?

Il contenuto di nicotina, come quello delle altre sostanze cancerogene e tossiche, varia molto tra le diverse marche di sigarette, sigari e gli altri prodotti a base di tabacco.

Nelle sigarette (che contengono meno di un grammo di tabacco), il contenuto di nicotina si aggira tra i 13,7 e i 23,2 milligrammi per ogni grammo di tabacco, mentre nei sigari, che possono contenere fino a 20 grammi di tabacco, il contenuto di nicotina può andare da 5,9 a 335,2 milligrammi per grammo di tabacco.

Il modo in cui si fuma è tuttavia più importante del contenuto in nicotina nel determinare quanta ne viene assorbita dall’organismo.  Se il fumo viene inalato nei polmoni o se le tirate sono lunghe e frequenti, aumenta la quantità di nicotina assorbita.

Anche gli altri prodotti a base di tabacco sono pericolosi e danno assuefazione?

Sì, in qualsiasi modo si consumi il tabacco si corrono rischi di salute ed assuefazione: nessun prodotto a base di tabacco può essere considerato sicuro.

Oltre che nelle classiche sigarette e nei sigari, il tabacco è disponibile anche in altre forme, come il cosiddetto tabacco senza fumo (che comprende il tabacco da masticare, quello da fiuto e il tabacco tipico della Svezia chiamato “snus”), il tabacco da pipa o per l’hookah (la pipa ad acqua), i bidi e le kretek.

Anche se la maggior parte delle ricerche si è concentrata sui danni causati dal fumo di sigaretta, in realtà tutti i tipi di tabacco sono pericolosi.

Tutti i prodotti a base di tabacco contengono nicotina e altre sostanze cancerogene. Sia il tabacco da fumo sia quello senza fumo causano i tumori, e possono anche provocare infarti, problemi alla bocca e altre malattie.

  • Pipa: fumare la pipa causa il cancro ai polmoni e aumenta il rischio di contrarre tumori alla bocca, alla gola, alla laringe e all’esofago.
  • Hookah, o pipa ad acqua (noto anche come bong o narghilè): è un dispositivo usato per fumare tabacco. Il fumo passa attraverso una specie di scodella riempita per metà d’acqua prima di essere inalato. Alcuni pensano che la pipa ad acqua sia meno pericolosa e causi meno assuefazione rispetto alle sigarette, ma fumare tabacco, in qualunque modo, è pericoloso e dà assuefazione. Il fumo di tabacco, anche quello prodotto dalla pipa ad acqua, contiene sostanze chimiche pericolose come il monossido di carbonio e altre sostanza cancerogene.
  • Bidi: le bidi sono le tipiche sigarette indiane, realizzato con tabacco arrotolato dentro una foglia secca di tendu, una pianta originaria dell’India. Il fumo delle bidi è connesso all’infarto e a vari tipi di tumore (bocca, gola, laringe, esofago e polmoni).
  • Kretek: i kretek sono sigarette indonesiane composte da una miscela di tabacco e chiodi di garofano. Il fumo dei kretek è connesso al tumore ai polmoni e ad altre malattie polmonari.

Esistono prodotti a base di tabacco meno nocivi delle sigarette?

  1. Tutti i prodotti a base di tabacco sono nocivi e causano tumori, è quindi fortemente sconsigliato farne uso.
  2. Non esiste un dosaggio del tabacco che possa essere considerato sicuro.
  3. A chi fa uso di tabacco di qualunque tipo dovrebbe essere consigliato di smettere immediatamente; a questo proposito si ricorda che non è mai troppo tardi per smettere.

Fonte principale: cancer.gov (adattamento a cura di Elisa Bruno)

Articoli correlati
Domande e risposte
  1. Anonimo

    buona sera dottore io fumo in media 2 sigarette al giorno di quelle ultra light con valori di catrame 1mg , nicotina 1mg e monossido di carbonio 2mg e volevo sapere se queste sigarette fanno meno male delle sigarette più forti o non c e differenza

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Meno di quanto si pensi.

  2. Anonimo

    Ah capito dottore non c e molta differenza grazie

  3. Anonimo

    Buongiorno dottore sono in gravidanza e spesso incontro per strada amici che fumano. Mi trattengo 5 minuti e poi vado via. Fa male quest esposizione ?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo è inevitabile, così come lo smog atmosferico; eviti le situazioni più a rischio (per esempio le sale fumatori dei ristoranti), per il resto stia tranquilla.

  4. Anonimo

    Salve dottore sono una ragazza di 18 anni faccio sport ma coltivo una passione per oggetti da fumo come narghilè, colum, sigarette, sigari, bong, pipe e bocchini. Non possiedo tutti questi oggetti solo un narghilè che non uso quasi mai è un pacchetto di sigarette. Può esser ugualmente dannoso se fumo due massimo tre sigarette alla settimana praticando sport regolarermente?
    Grazie saluti

  5. Anonimo

    Cilum* mi perdoni gli errori di typing

  6. Anonimo

    Mi perdoni gli errori di typing ma non sono brava a scrivere col cellulare

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, ovviamente meno ci si espone e meno rischiamo tutte le spiacevoli conseguenze dovute al fumo. Fumando poco avrà meno possibilità di ammalarsi rispetto a chi fuma tanto ma sempre un piccolo fattore di rischio in più rispetto a chi non fuma per niente. Saluti

  7. Anonimo

    Salve Dottore,

    Dopo aver fumato a volte mi capita di sentire tensione ai muscoli ( gambe e braccia e della gola ). Non sento particolari difficoltà nel respirare, anche se con questa tensione spirazione ed inspirazione si fanno più fastidiose. Sento un grande tensione che mi percorre il corpo, unita ad una leggera debolezza.

    Oggi mi è capitato dopo aver fumato la 7a sigaretta ( in realtà si trattava di un mozzicone che avevo fumato in precedenza, mentre ieri ser ami è capitato in tarda serata, ed è sparito dopo che ho bevuto un bicchiere di vino).

    Pensa sia qualcosa da controllare, oppure si tratta di semplice reazione allo stress del fumo ?

    Grazie.

    1. Anonimo

      Inoltre con questa tensione mi viene anche un prurito e spuntano dei piccoli brufoli.

      Premetto che sono allergico agli acari della polvere

    2. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sicuramente da verificare con il medico, ma probabilmente si tratta di un po’ di ansia/stress mista agli effetti eccitanti della nicotina.

  8. Anonimo

    salve, ieri ho provato a fumare per la prima volta. so che è sbagliato e so che il mio cervello mi induce a volerne ancora. come faccio a non pensarci? e soprattutto da quando ieri ho smesso sento forti dolori alla parte superiore del corpo (petto), è normale?
    come posso far smettere questi dolori?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve. E’ insolito avere dolori la petto, forse ha una lieve irritazione alle prime vie aeree. Non fumi , non serve a niente. Ha provato ma basta, non continui. saluti

    2. Anonimo

      Ciao Anonimo, secondo me i tuoi dolori sono da imputare a un po’ di ansia… È successo anche a me, ma cerca di fare come ti ha detto il dottore e non fumare più.

  9. Anonimo

    Salve dottore.. e possibile che dal fumo di sigaretta solo respirando ti possono crescere 2pezii di carne nel naso? Come se fosse polipi?? Un paio di mesi fa non c’erano !!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non è ancora stato chiarito con certezza il ruolo del fumo nell’insorgenza dei polipi, ma eventuali escrescenze vanno verificate con il medico.