Tutte le domande e le risposte per Cocaina: effetti, pericoli, crack
  1. Anonimo

    Salve dottore, mia sorella soffre gravemente di disturbi alimentari, alcolismo, e tossicodipendenza per cocaina (fumata e inalata) la mia famiglia ed i nostri amici sono molto preoccupati , ma nessuno di noi è in grado di farle capire che deve curarsi. Il problema più grande è la sua salute , che non ammette essere in forte crisi.
    E’ tossicodipendente, ma non lo ammette, ed è al punto di farlo anche da sola a casa. La nasconde, ma non sappiamo come arginare il problema. avrebbe bisogno di un ricovero immediato, (o coatto?) ma non acconsentirà mai…pesa 42 kg ed in passato ha sofferto di bulimia. Sono disperata.
    So che il percorso è lungo e doloroso.. se entra in comunità perderà il suo lavoro. E’ proprietaria e titolare di un negozio di bellezza.. che funziona anche molto, e se dovesse perderlo le crollerebbe tutto ancora di piu addosso. Ma sono consapevole del fatto che da sola non ne uscirà.
    La ringrazio per la risposta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace davvero, ma purtroppo temo di non essere in grado di aiutarla; proverei forse a rivolgermi al SERT della sua città o ad una struttura specializzata, in modo da avere consigli mirati da parte di professionisti specializzati in questo campo.

    2. Anonimo

      Fumo cocaina tutti i giorni in grammi nell’arco delle 12:00 ore è un po’ che ho stomaco duro e gonfio cosa devo fare

    3. Anonimo

      Ti dicevo un grammo al giorno ma non fu mai sbagliata perché il senso di sbandamento mi porta ansia è più una cosa psicologica cosa posso fare

    4. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Intanto dovrebbe smettere con l’assunzione di cocaina, e serve una valutazione medica mirata.

  2. Anonimo

    Salve dottore,
    Da 1 anno e mezzo ho fatto uso costante di crack, ora sto cercando di smettere . Ma in questo arco di tempo sto avendo problemi di peso dimagrendo di 5/6 kg e anche alla pelle sugli zigomi ho delle macchie rosse con dei puntini che sembrano brufoli sottopelle. Saprebbe dirmi a cosa e dovuto?
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      L’alimentazione è la stessa di prima?

  3. Anonimo

    Buonasera
    Sono più di 10 anni che uso cocaina
    Negli ultimi 8 la baso con l ammoniaca e la fumo.
    Sono circa 5/6 anni ormai che la uso tutti i giorni 1/1,5 grammi giornalieri.
    Quando la fumo mi prendono dei forti attacchi di panico
    Corro per casa come se ci fosse qualcuno dietro le porte o fuori sul balcone pronto ad entrare sfondando la porta o la finestra e a decapitarmi.
    È ovvio che è tutto frutto della mia fantasia ma quando vivo quei momenti per me è tutto reale e in quei momenti sono totalmente in panico, sudo tantissimo, e continuò a schivare i miei fantasmi decapitatori.
    La vivo male questa situazione eppure non riesco a smettere.
    Sono riuscito a far fuori tutto quello che avevo e oltre.
    La casa e in pignoramento,
    Il lavoro va a rotoli, la salute mi sta gradualmente abbandonando.
    Sono arrivato al punto che ormai per uscire da questo incubo necessariamente ho bisogno di essere aiutato.
    Mi sento depresso e a volte ho pensieri autodistruttivi e questo mi preoccupa .
    Sto vivendo nell ansia per via dei debiti che ho accumulato con chiaramente con quelle persone dalle quali mi fornisco, è più di un anno che giro senza assicurazione alla macchina, non sto pagando il mutuo, le spese condominiali,
    Il frigo e perennemente vuoto, insomma
    Sto vivendo come se per me non ci fosse più futuro.
    La parte sana di me vuole smettere ma l altra parte continua ad autodistruggersi .
    Questa è la prima volta che racconto davvero come stanno le cose e spero tanto che lei possa darmi davvero un consiglio per aiutarmi a riprendere la mia vita.
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Deve rivolgersi immediatamente, appena finirà di leggere le mie parole, a chi può aiutarla concretamente; può rivolgersi al suo medico di base o al SERT della sua città.

      Non dopo, non domani, lo faccia adesso.

    2. Anonimo

      Lo voglio fare.!!!
      La mia paura e il mio freno e’ che non voglio farlo sapere a mia figlia e in generale alla famiglia.
      ma comunque so che certamente devo prendere questa decisione è forse dovrò mettere in piazza questo mio problema.
      Spero di riuscire a gestirlo.
      Negli ultimi mesi mi rendo conto di aver proprio perso il controllo della mia volontà.
      È’ imbarazzante rendersi conto di questo e comunque non fare nulla per reagire.
      Così mi sento.
      Appena ho qualche soldo in tasca il mio primo pensiero è chi chiamare per prendere il mio veleno.
      So che è illogico, ma mentite a me stesso, sarebbe più stupido di quanto in questo periodo già io lo sia, percui le cose stanno davvero così.
      Forse le racconto tutto questo per un mio sfogo e forse perché comunque infondo mi nascondo dietro l anonimato,ma certo è che apprezzo con sincerità il tempo che mi ha dedicato per ascoltarmi.
      Cercherò di fare quello che immaginavo anch’io e che comunque lei mi ha consigliato di fare nella sua risposta.
      La ringrazio del tempo che mi ha dedicato.
      Un sincero saluto…
      Michele

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi tenga al corrente! Non sarà facile, ma sento che la motivazione è forte e sono sicuro che riuscirà a riprendere in mano la sua vita.

  4. Anonimo

    Buon giorno dottore… io ho ripreso a fare uso di cocaina dopo 9anni , avevo smesso per ansia ed attacchi di panico e in piu mi hanno fatto cambiare pure citta, la depressione e le sensazioni che provavo le ricordo ancora con tristezza, ma ora che ho ricominciato e diverso. Credo sia peggio forse, le paranoie sono per ogni cosa ho una sorta di bipolarismo che mi spaventa , gli attacchi di panico sono fortissimi e seguiti da vomito e diarrea , smetto per un mesetto e poi , tac , un altro pezzo e comprato, o una riga regalata , e si ricomincia, non voglio piu sentirmi cosi ma lo psicologo non mi da conforto, io lavoro di notte e faccio una vita molto sregolata , non dormo o dormo per 15ore filate, digiuno o mi ingozzo , bevo anche tantissimo e di gusto, ho solo 29 anni e non voglio finire male ,subito andava tutto bene ma ora mi sto agitando sempre di piu , in piu ho grandi problemi di cefalea dalla nascita che si sono aggravati , mi e stata consigliata una dieta ma non so. Che dieta fare e come muovermi, ho paura a chiedere aiuto al partner perche sa che lo faccio ma e fonte di litigi e non so cosa fare, vorrei disintossicarmi il prima possibile per tornare a vivere normalmente come tutti.. grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo psicologo è quello del SERT?

    2. Anonimo

      Buon giorno dottore io vorrei sapere come posso curarmi dai colliri che mi sono venuti a causa della sera X prima per averla fumata come devo fare?? Sto veramente male di
      Schiena di gambe mi sento debolissimo e mi gira la testa

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi perdoni, ma non ho capito cosa le sia venuto.

  5. Anonimo

    Buongiorno Dottore, volevo qualche informazione sulla cocaina.
    E’ possibile che una persona che usa cocaina da anni (circa 15)in maniera piuttosto assidua (diciamo quasi ogni giorno), non manifesti grossi cambiamenti di personalità?
    E’ possibile che riesca a svolgere una vita normale (casa lavoro figli) senza accusare nessuna conseguenza? Cioè…possibile che non abbia mai un sonno esagerato, assenza di appetito, smania di uscire a tutti i costi? Che sia disponibile in casa, energico e tranquillo? Non abbia sbalzi d’umore preoccupanti?
    Questo perchè ha sempre a disposizione la sostanza?
    Non capisco come mai ad alcuni di mia conoscenza crea non pochi conflitti per i vari atteggiamenti (nervosismo,sonno…tali da impedire una vita regolare con conseguente disturbo di personalità e depressione) e ad uno in particolare, no.
    Inoltre vorrei sapere, se questa persona smettesse per un intervento chirurgico(rinoplastica), avrebbe delle crisi o comunque si noterebbe qualcosa per quanto riguarda l’astinenza? O potrebbe non destare sospetto?
    Perchè non sono sicuro che la usi (cioè non l’ho mai visto con i miei occhi) ma chi me lo dice ne è assolutamente certo (lo vede e la usano insieme), anzi aggiunge che è gravemente dipendente (cioè ne ha bisogno quotidianamente). Allora, come fa ad andare avanti senza nessunissima conseguenza??? Certo a volte appare piuttosto strafottente e altre molto pacato, ma oltre a questo…nulla! Non riesco a capire…
    Grazie davvero!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Premesso che NON ho competenze specialistiche in questo campo:

      1. Sì, è possibile che il comportamento rimanga più o meno normale; questo succede perchè la dipendenza può essere avvertita in modo diverso da soggetti diversi ed anche le dosi assunte possono essere diverse. Sicuramente poi se la sostanza è sempre a disposizione questo evita crisi di astinenza, spesso le vere responsabili di comportamenti violenti o comunque irrazionali.
      2. Se dovesse andare incontro ad una pausa forzata è molto probabile che andrebbe incontro a crisi di astinenza importanti, con le conseguenze descritte sopra.
      3. Se lo desidera in farmacia ci sono test da fare a casa sull’urina.

      La rinoplastica è fatta a scopi estetici? Glielo chiedo perchè con 15 anni alle spalle di uso regolare le mucose nasali saranno probabilmente distrutte.

    2. Anonimo

      Grazie mille intanto per la veloce risposta… l’intervento è stato fatto per setto deviato (ma guardando le foto del passato non era così come prima dell’operazione, addirittura la punta era scesa e storta) e turbinati…non capisco nemmeno come non si siano accorti della sua abitudine!
      O prababilmente se ne sono accorti, ma la cosa è rimasta fra lui e il medico, immagino!
      Grazie ancora!

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, se davvero ne facesse uso siamo portati a pensare alla seconda ipotesi.

    4. Anonimo

      Salve dottore sono un ragazzo di 35 e faccio uso da circa 15 anni di cocaina non sempre mi allontanò per mesi e poi ci ricadono magari per farmi una serata il mio problema e che la mia vita sessuale e molto diminuita non ho più eccitazione cosa mi consiglia dottore a dimenticato faccio uso di antidepressivi ma non riesco a smettere quando mi piglia devo farmi la serata mi consigli un po grazie

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È più probabile che il calo del desiderio sia legato agli antidepressivi, anche se ovviamente l’uso anche occasionale di cocaina la predispone al rischio di depressione (insomma, è un circolo vizioso).

  6. Anonimo

    Salve dottore!
    Una mia curiosità..
    Ma se una persona incontra un soggetto che fa uso di droghe, ma tale persona non ne è a conoscenza, è possibile che la droga che vi è nel soggetto (ex: sperma) possa essere trasmessa sessualmente alla persona ? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      No.

  7. Anonimo

    Grazie mille!

  8. Anonimo

    Mi scusi…sono sempre io…volevo sapere se è possibile che il test risulti per qualche motivo negativo, anche se usa ancora la sostanza…potrebbe in qualche modo “imbrogliare”? O potrebbe essere fortunato e andargli bene?
    Chiedo perchè avendo io stesso trovato residui di sostanza, lui nega assolutamente ed è disponibile a fare il test…quindi non so se copre qualcuno o se spera di passarla liscia!
    Vorrei solo che il test venisse effettuato senza sbagli perchè devo essere certa del risultato.
    Il medico che lo effettuerà è uno psicoterapeuta e medico di base, posso fidarmi?
    Grazie…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Le modalità possono cambiare leggermente da un laboratorio all’altro, quindi raccomando di attenersi alle istruzioni che le verranno date; il motivo per cui viene richiesto il bulbo è probabilmente per datare l’eventuale utilizzo delle sostanze d’abuso.
      2. Del medico può sicuramente fidarsi, mentre ci sono alcune modalità per ridurre l’efficacia del test (ma onestamente non so dirle quanto incidano) applicando prodotti chimici prima del prelievo per andare a distruggere i residui presenti.

  9. Anonimo

    Buongiorno Dottore, vorrei dei chiarimenti in merito al test del capello.
    Mio marito deve effettuare il test per un mio dubbio, è consenziente.
    Il medico che lo effettuerà dice che non è necessaria una grossa quantità basta che il capello sia completo di bulbo, mentre io ho sempre letto che la ciocca deve essere abbastanza grossa e soprattutto va tagliata il più possibile vicino alla cute, preferibilmente dietro la nuca. Inoltre leggo che 1cm. corrisponde all’incirca a 1 mese indietro…quindi il bulbo a che serve?
    Sono male informata o rischiamo di avere dei risultati fallati?
    Grazie!

  10. Anonimo

    Grazie per la risposta tempestiva !!! Mi ero scordato di dire che ho 28 anni e circa un anno fa feci tutte le visite cardiologiche ( tutto ok ) chiedo se non possano essere sintomi di un infarto le sensazioni che provo subito dopo l’utilizzo della coca ???

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente no, ma certamente l’utilizzo della sostanza diventa un fattore di rischio.

  11. Anonimo

    dottore mi scusi per qualche anno ho fatto uso di cocaina anche in quantità massiccia sia inalata che fumata,quando un bel giorno iniziai avere tachicardia a 1000 e un forte attacco di panico !!! Ho smesso per due anni e a luglio ho deciso di riprovare solo che appena fatto il primo tiro ho iniziato a stare male come l’altra volta che ne usai parecchia ! Andai in ospedale con pressione alta e tachicardia a 160 ! Quello che chiedo come mai prima ne usavo anche 2-3 grammi e non succedeva niente ed adesso basta che faccio una striscia da 0,2 inizio a stare malissimo anche con sintomi fisici ????

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono probabilmente due le possibili spiegazioni:

      1. Ai tempi era arrivato ad usarne 2-3 g nel tempo, aumentando gradualmente perchè il fisico si era abituato.
      2. La risposta del corpo ai farmaci (e quindi anche alle sostanze d’abuso) può cambiare nel tempo, a volte anche per motivi non chiari; semplificando al massimo, pensi per esempio a quando si usa un determinato farmaco per anni e poi, improvvisamente, si diventa allergici. In questo caso i meccanismi biochimici sono diversi, ma il concetto è paragonabile.

      A tutto questo ci sommiamo anche un po’ di ansia, dovuta alla paura di rivivere le stesse reazioni di tachicardia dell’ultima volta.

  12. Anonimo

    Salve dottore, sono una ragazza di 18 anni, tre giorni fa ho fatto uso di hashish. Premetto che non era la prima volta e che inizialmente i sintomi erano uguali al resto delle volte. Il tutto è avvenuto di sera. Il problema però è sorto la mattina dopo, quando svegliandomi ho continuato ad avvertire una sensazione di stordimento legata ad un’alta sensibilità della pelle, la situazione è rimasta la stessa fino ad oggi, a tre giorni dall’uso. Cosa può essere successo? E come posso rimediare? Ho paura che i sintomi attuali siano permanenti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      I sintomi andranno a sfumare progressivamente e gradualmente nei prossimi giorni, ma se così non fosse raccomando di sentire il medico; da un punto di vista medico è possibile che possa succedere nuovamente in caso di nuovo consumo.

  13. Anonimo

    Buonasera dottore, credo di soffrire di sindrome amotivazionale, e di avere un cervello che produce poca dopamina; soffro di umore depresso, ansia sociale, ho difficoltà di concentrazione e scarse capacità comunicative, sommate a un carattere molto timido che ho sempre avuto. negli ultimi 10 anni circa ho sviluppato dipendenza da cannabis e pornografia, e dai 18 ai 20 anni ho fatto uso di cocaina, in maniera non cronica (1 – 2 volte al mese di media), ma ho interrotto dopo un abuso culminato con un malore caratterizzato da convulsioni e perdita di conoscenza durato alcuni minuti. ora ho 29 anni. Pensa che smettendo posso tornare ad avere un cervello con una chimica “normale” o ci potrebbero essere dei danni irreversibili? vorrei a tutti i costi non dover assumere psicofarmaci di nessun tipo

    La ringrazio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono fiducioso e credo in un possibile recupero completo, ma onestamente ritengo che almeno un supporto psicologico sarebbe importante.

  14. Anonimo

    Fatevi aiutare dalla vostra famiglia alle volte basta un sostegno morale ma e possibile che per 20minuti di euforia ci distruggiamo la vita l unica medicina pura e molto efficace ve la dico io e il nostro signore gesucristo il nostro salvatore che e morto sulla croce sia per me che per tutta l umanità con fidati a lui e la vera cura .dio vi benedica

  15. Anonimo

    Dottore faccio uso di cocaina da ben 15 anni piccole dosi non esagerato.ora sono sposato ho un figlio e no riesco a smettere sto distruggendo la famiglia voglio smettere mi sa dire se esiste una cura.da dire che disponibilità economica non è ho abbastanza mi sapreste indirizzare grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Le cure esistono e probabilmente sono gratuite o quasi; ne parli con fiducia al medico, la invierà al SERT dove troverà specialisti in grado di aiutarla.

  16. Anonimo

    Buongiorno dottore, ho un compagno che è stato in comunità 4 anni per uso di cocaina poi è uscito e ci è ricaduto dopo 2 mesi facendone un uso in due giorni eccessivo dice di avere avuto anche un vuoto di memoria di 12 ore , la mia domanda è potrebbe essere entrato in coma? ne ha sniffata davvero tanta adesso dice che ha fatto un errore e non lo farà più.La seconda domanda è può aver contratto l’hiv anche se lui lo fa sempre da solo si isola da tutti e sparisce per quasi due giorni. In che modo lo possiamo aiutare visto che la comunità ha fallito. Aspetto una sua risposta grazie infinite.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Onestamente non credo che sia entrato in coma.
      2. Non gli creda quando dice che non lo farà, più molto probabilmente ci ricascherà perchè la dipendenza è un mostro più forte di noi; lo convinca a chiedere nuovamente aiuto.
      3. Impossibile giudicare l’aspetto di HIV; sicuramente non ci contagia sniffando, ma non possiamo sapere abitudini sessuali o l’eventuale altro uso di sostanze in vena.

  17. Anonimo

    Buon giorno dottore. Io trovato polverina biancha nell vestiti del figlio dell mio compagno….ho detto all padre,,, figlio se gustificato che quella roba lo aiuta andare al bagno….come possiamo essere siguri….come riconoscere se potrebbe un altra cosa…? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In farmacia trova dei test da fare al paziente (in questo caso al figlio del suo compagno) per vedere se fa uso di stupefacenti.

  18. Anonimo

    Gentile Dottore,
    sono una ragazza di 26 anni e da più di una settimana ho un forte mal di testa. Ho passato lo scorso venerdì una serata dimenticabile in cui ho bevuto molto e ho usato droghe sintetiche. Il problema è che non so che cosa ho preso ma ho sovraddosato la dose a quanto detto da amici.
    Il giorno dopo ho avuto ansia e mini attacchi di panico, che coinvolgevano stati di confuisione e mal di testa molto forti fino ai 4 giorni succesivi. Ora a distanza di 9 giorni ho ancora molto mal di testa, non più paranoie ma dolore agli occhi e cerco di non far trasparire nulla a lavoro, per riuscire a fare del mio meglio.
    Che cosa può essere dovuto questo senso di confusione che rimane? tutti i giorni aspetto di sveglirami atttiva e pimpante come prima 🙁

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La notte riesce a riposare sufficientemente?

    2. Anonimo

      Si. Dormo bene…qualche incubo di troppo ma dormo bene.
      Non sono ipocondriaca e sono preparata ed informata sugli effetti delle droghe studiando in un lab di neuroscienze, ma mi dispiace solo affrontare tutte le giornate con spossatezza, emicrania costante e dolore ai muscoli oculari. Come posso comportarmi?
      (super grazie per la risposta)

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È probabile che serva solo pazienza e tempo, probabilmente un po’ di esercizio fisico può aiutare; ovviamente se non notasse ripresa nei prossimi giorni non posso che consigliarle di parlarne con un medico.

    4. Anonimo

      si, grazie mille per il consiglio. Infatti ora mi sento molto meglio e rilassata.
      Grazie per questa pagina!

  19. Anonimo

    piu che un commento e un esaurimento nn riesco a smettere ma nn ce niente per questo tumore

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Parla di tumore intendendo la dipendenza da cocaina?

  20. Anonimo

    Dottore, ho scoperto che mio fratello sniffa…credo di averlo convinto a smettere! I nostri genitori non sanno niente, e non vorrei farli preoccupare! È un problema che si può risolvere con l’aiuto di uno psicologo e/o del medico di base????? Cerchiamo una soluzione meno visibile possibile!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Come primo passo sicuramente sì, ma probabilmente il medico lo invierà al SERT della sua città.

  21. Anonimo

    Il problema e che lui a gli arresti domiciliari e adesso abbiamo chiesto al suo avvocato di fargli avere un permesso per recarsi verso un Sert ancora non o avuto risposta spero che si risolvi questo problema ma esiste qualche farmaco per farlo smettere? Oppure no

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Esistono farmaci che possono essere usati nel contesto della terapia (psicofarmaci), ma nulla di specifico che da solo possa aiutare a smettere.

    2. Anonimo

      La ringrazio moltissimo per la sua disponibilità

  22. Anonimo

    Ciao buomasera dottpre o mio marito che fa uso di cocaina sniffa ma qualche anno fa faceva uso di crack nn saprei se col crack a dinito ma sono sicura che fa ancora uso di cocaina lui a quasi 26 anni e fa uso da quando ne aveva 16 o 17 anni nn so come fare per farlo smettere abbiamo una bambina piccola di 1 anno avvolte rimane senza farlo quasi 1 mese poi ci sono volte che lo fa quasi ogni due giorni non so qiante dosi prende e di quanti grammi sono vorrei un aiuto per lui

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Anche lui vorrebbe smettere?

    2. Anonimo

      A me dice che vuole smettere che però non ci riesce che per lui e difficile fa anche dei giuramenti parla con me con la famiglia di voler smettere ma poi nn lo fa mai

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      OK, lo convinca a cercare aiuto medico, da soli è molto difficile (spesso impossibile) farcela.

    4. Anonimo

      Uso coca da un anno tutti i giorni circa1 grammo come posso uscirne

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non abbia paura a chiedere aiuto specialistico (medico), è l’unico modo.

  23. Anonimo

    Salve dottore tra 7 giorni a partire da adesso ho l esame tossicologico e sabato a inalato cocaina e bevuto puo risultare dalle analisi del sangue e dalle urine sia coca che alcool ?in questa settimana se bevo tanta acqua ,latte… e mi alleno bruciando tossine il test puo uscire negativo?la prego mi risponda sono esami per la.patente cdt got gpt ygt cosa posso fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non conosco i tempi esatti di eliminazione dall’organismo.

  24. Anonimo

    Salve Dottore, complimenti per il suo blog innanzitutto… Volevo chiederle, io ho fatto uso di cocaina per 3 anni e per quasi tutti i giorni e più volte al giorno, e ora ho smesso da 3 anni nel senso che mi da fastidio anche vederla fare ad un mio amico. Comunque quando ne facevo uso mi piaceva molto, ma gli ultimi tempi mi capitava sempre di stare male e avere il cuore sempre a mille e respiravo a fatica, sentivo tipo una sensazione di morte imminente e ci voleva molto che mi passava, avvolte addirittura il giorno dopo, e ogni volta che l assumevo ormai mi prendeva così, anche perché spesso oltre che sniffare cocaina fumavo anche qualche spinello e bevevo alcool, allora diciamo che mi sono spaventato e ho deciso di smettere. Come mai mi capitava questo è prima no? Cosa volevano dire quegli effetti strani? Ho rischiato davvero di morire?
    La ringrazio per la risposta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente il rischio di morte non era imminente, ma sarebbe necessaria una visita medica durante un episodio per averne certezza; sembrano attacchi di panico e possono manifestarsi con l’uso di stupefacenti.

    2. Anonimo

      Grazie per la tempestiva risposta dottore, quando mi succedeva uscivo di casa per lo spavento con l idea di andare al pronto soccorso, solo che per la paura che poi si scoprivano tracce di cocaina nel organismo e causando problemi a lavoro e per la patante, aspettavo una decina di minuti nel parcheggio, ma come per magia mi passava tutto. E finché rimanevo mi giro era tutto svanito. Ma puntualmente appena ritornavo a casa, io vivo da solo, dopo un po mi ritornavano quegli effetti. Quando poi ho smesso definitivamente, a volte capitava che fumavo un paio di tiri di spinello con amici, e notavo che mi faceva lo stesso effetto di quando facevo uso di cocaina, pensavo fosse dipeso da quella e invece anche con lo spinello! Lei che ne pensa? Può essere anche con lo spinello che è una droga leggera? Poi solo con un paio di tiri?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      C’è sicuramente tanta ansia di base, ma probabilmente è stato un modo che ha trovato il suo organismo per farle capire che il consumo poteva essere causa di problemi.

  25. Anonimo

    sono una mamma disperata…ho un figlio da poco compiuto 18 anni…fa uso di nn so cosa lui dice da due anni circa…inizia a lavorare x due o tre mesi e poi si stanca…la nostra situazione economica nn e x la quale…sono separata…e irrascibile molto confuso…vorrei portarlo da un medico ma dice che nessuno puo far niente….mi aiuti la prego nn so come fare…ultimamente ha pure creato un piccolo problema con la legge…aspettiamo il processo,con la convozione di farmi aiutare ma la cosa sembra lunga…mi aiuti…grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Contatti personale specializzato, per esempio

      sapranno consigliarle come muoversi.

  26. Anonimo

    salve dottore/ssa, sono un ragazzo di 17 anni volevo sapere come potrei abbassare la sensibilità al glande..perche quando e scoperto quando è umido, se lo sfioro, da un forte fastidio e per esempio mentre mi masturbo prima e bagnato per esempio con l’urina e nn da fastidio poi continuando quando è umido da fastidio e quando è asciutto nn da piu fastidio come se si abbassasse la sensibilità a tal punto che se lo tocco con le dita o nn lo ricopro per mettere le mutande nn da piu fastidio( il glande se ancora ho l’erezione)…è normale? c’è qualche esercizio senza creme o medicinali per abbassare la sensibilità? grazie mille

    1. Anonimo

      ah..ho sbagliato settore in cui chiedere…ma comunque nn faccio uso di nessuna sostanza, non bevo e non fumo…sono totalmente “pulito”

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non mi è chiarissima la situazione.

    3. Anonimo

      Eh che se non e bagnato non mi fa male se tocco il glande..se lo è non posso neanche sfiorarlo che mi da fastidio..in poche parole vorrei sapere se mi sa consigliare un metodo per abbassare la sensibilità del glande..scusi la scorrettezza della domanda..

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Le consiglierei una visita urologica, potrebbe esserci una leggera infezione a spiegare il fastidio che avverte.

    5. Anonimo

      non è una infezione o infiammazione , ho il tuo stesso problema si chiama ipersensibilità del glande, molti medici non sanno nemmeno che esiste, l’unica soluzione è la circoncisione , praticamente percepisci gli stimoli anche lievi come dolore, l’unico modo per far abituare il tuo glande a questi stimoli e tenerlo SEMPRE a contatto con l’aria e con le mutande, possono volerci mesi, in alcuni casi anche 1 anno per ottenere la giusta sensibilità. fatti togliere il prepuzio non perdere tempo!

  27. Anonimo

    Salve,sono un ragazzo di 26 anni,faccio uso di cocaina sniffata da cinque anni usandola quasi ogni tre giorni….ho provato a smettere ma son molto debole e mi lascio influenzare molto facilmente… Vorrei provarci ma questa volta nn da solo evitando che i miei genitori venissero a saperlo… Lei cosa mi consiglia?? La ringrazio anticipatamente….

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente? Da solo non credo che possa farcela, avrebbe già smesso. Ammettere le sue debolezze è però in un certo modo segno di forza, raccolga quindi tutta questa forza e metta da parte l’orgoglio, ha bisogno di tutto l’aiuto possibile per uscirne definitivamente e, mi creda, non c’è nulla di cui vergognarsi ad ammettere una difficoltà.

  28. Anonimo

    Grazie x la risposta
    Da cosa potrebbe essere causato.,?cos ho..?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ha avuto rapporti?

    2. Anonimo

      Ho rapporti regolari con la mia partner l ultimo il 31 di pomeriggio lei aveva il ciclo.
      Il dolore al linguine e’ in entrambi le parti ed sotto il glande nello scalino e’ sncora leggermente gonfio

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Da verificare con l’aiuto del medico che non sia infezione.

    4. Anonimo

      Ok grazie mille

  29. Anonimo

    il test dell’articolo comincia dicendo : ecco 2 farmaci contro la dipendenza della cocaina,ma poi questi famosi farmaci non vengono nemmeno accennati. MA NON SOLO NOI SOFFRIAMO,VOI VOLETE ANCHE SFOTTERCI?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi perdoni, ma non ho capito; mi riporta cortesemente la frase esatta cui fa riferimento?

    2. Anonimo

      Salve dottore ieri sera ho fatto uso di cocaina (non buona qualita) sstamattina il mio glande era leggermente gonfio (essendo circoncido si nota di piu) e mi fa male un punto nella parte alta del linguine

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È un sintomo del tutto indipendente dallo stupefacente usato.

  30. Anonimo

    Buona sera dottore,ho bisogno di un suo parere,praticamente faccio uso di cocaina da circa 2 anni almeno 5 volte al mese dosi da un grammo alla volta,ora sono circa un mese e mezzo che cerco di non usarla e ho sempre paura che alcune persone che mi stanno vicine in ambito lavorativo e anche fuori dal lavoro complottino contro di me,questo pensiero che ho può dipendere dall’aver cessato di fare uso di cocaina? può avermi creato qualche disturbo psicologico e per quanto può durare tutto questo?può essere un danno irreversibile?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, può essere subentrata dell’ansia; raccomando di parlarne al più presto con un medico, non c’è nulla di irreversibile, ma è necessario non lasciar sedimentare queste sensazioni.

    2. Anonimo

      Grazie

    3. Anonimo

      Salve,nell’introduzione di questoblog c’è scritto droga,drogati ecc. e poi c’è scritto come disintossicarsi dalla varie droghe, io tutto ho letto,ma il metodo di disintossicarsi almeno fisicamente dalle droghe non c’è scritto. come mai? è solo una spavalderia?

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi perdoni, ma non ho capito.

    5. Anonimo

      buonasera dottore un informazione mio marito a fatto uso in passato di cocaina cioe la fumava ma dopo un anno o il dubbio che lo faccia di nuovo dottore dammi un consiglio come capire che sta rifacendo lo stesso errrore grazie

    6. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In farmacia ci sono dei test diagnostici da fare sulle urine.