Tutte le domande e le risposte per Alcolismo: sintomi, cause, test, danni, terapia
  1. Anonimo

    Esistono farmaci che aiutino a smettere?

  2. Anonimo

    Cosa ne pensa del libro “È facile controllare l’alcool se sai come farlo”?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Avevo sentito parlare molto bene di quello dedicato al fumo da lettori che l’avevano letto, mentre purtroppo su questo non saprei esprimere giudizi.

  3. Anonimo

    Buongiorno, è ormai da qualche tempo che la sera, quando torno dal lavoro, sento il desiderio di bermi un mezzo bicchiere di Prosecco.

    Per carità, se capita che non torno a casa posso saltarlo senza problemi e in vacanza praticamente non tocco alcolici, ma questo forte desiderio post-lavoro mi preoccupa un po’.

    Dice che sono alcolizzata?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Molto probabilmente no, sembra più una sorta di abitudine per scaricare lo stress, ma ovviamente senta anche il parere del suo medico (e magari provi come sfida personale a saltare il mezzo bicchiere, per dimostrare a sé stessa di avere il completo controllo della situazione).

  4. Anonimo

    Salve,qualche settimana fa mi e capitata una cosa bruttisima,una sera ero molto arrabiata con mio ragazzo e in generale stanca e stressata perche lavoro troppo e cedere sensa aver neanche cenato ho bevuto del rhum con le mie amiche sudamericane a casa e poi dovevamo andare a ballare pero io mi riccordo solo quando sono entrata in auto e poi un vuoto fino al giorno dopo.Mi hanno detto che siamo andati in discoteca e che io cadevo ogni poco,mi sono litigata pure con una ma io non ricordo niente proprio.non bevo quasi mai 1volta ogni 2 mesi circa un po di vino a tavola .io mi sento mortificata per quella sera che non mi riccordo nulla,non so se ho problemi

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Probabilmente ha bevuto troppo, per di più a stomaco vuoto e un superalcolico, e quindi era era in stato di ebbrezza.

  5. Anonimo

    se bevo circa 1 ,5 lt di vino una volta ogni tanto per sballarmi un po è alcolismo?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Cosa intende esattamente per “una volta ogni tanto”? A prescindere da eventuali dipendente è comunque pericoloso per il fegato.

  6. Anonimo

    Mio suocero, 75 anni, beve da quando aveva 40 anni. Non beve tutti i giorni, prima beveva ogni 3 / 4 mesi ma ora ogni settimana circa. Beve per 2 o 3 giorni di seguito poi dato che noi lo rimproveriamo smette. Quando beve diventa aggressivo, dorme per strada, litiga ecc…La situazione è diventata insostebìnibile per me, mio marito, per i bambini, ecc. I farmaci non sembrano migliorare la situazione. Ora mi chiedo per una persona così di questa età, mezza alcolista, potremmo essere noi a dargli da bere mezzo bicchiere, quando vediamo che ne sente il bisogno ? Potremmo fargli assumere l’alcol in casa, senza che lui debba nascondersi o uscire per bere. Che ne pensa ? Può aiutare assumere alcol in casa oppure peggiorerebbe la situazione ?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, no purtroppo sono situazioni delicate che non si riescono a gestire autonomamente, in famiglia; chiederei aiuto intanto al medico di base, per capire la gravità del problema e valutare le possibili soluzioni.

  7. Anonimo

    Buongiorno, non so se mia zia beva o no! Le spiego, di solito bece normalemente, tipo uno spritz al giorno o poco di piu, ma il mercoledi, che è il giorno in cui non lavora alle volte la chiamo verso le sei e la sento non ubriaca ma un pochino alterata, sembra perlomeno, e ha un modo di parlare che non è propriamente il suo! Come se avesse bevuto qualche bichiere in piu, ancora tempo fa gli avevo esposto il mio dubbio e mi ha risposto dicendomi che sono la solita paranoica, ora questo dubbio non me lo sono ancora tolta, cosa devo fare? E comunque secondo lei puo essere un problema?! Come lo affronto? Nin credo lei lo ammetterebbe mai con me anche se se ne rendesse conto! Comunque ripeto non ne ho la certezza! Non so cosa fare!

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      1. Purtroppo non è semplice dire cosa fare in questi casi… ha famiglia?
      2. Sì, potrebbe essere o diventare un problema se davvero esagerasse.

  8. Anonimo

    Salve,
    Ho 35 anni ho bevuto per 10 anni ogni fine settimana venerdi e sabato bevevo cosi tanto che spesso il giorno dopo non sapevo più cosa avevo fatto.
    Adesso bevo solo un giorno alla settimana jo qualche problema grave?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, non saprei, bisognerebbe valutare diversi parametri, per esempio gli indici epatici per iniziare.

    2. Anonimo

      Come si misurano le misure epatiche?

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Dal prelievo di sangue, sono AST, ALT, gamma-gt, bilirubina, gli indici di funzionalità epatica.

  9. Anonimo

    Salve
    volevo chiedervi un informazione…il mio ragazzo al venerdì sera esce e puntualmente nn sa dire d no agli amici e bere alcol…Beve un po di vino e due cocktail (mediamente)..durante la settimana a parte casi particolari non tocca alcol (solo una birretta ogni tanto) puo essere pericoloso?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Non sembrano quantità elevatissime, ma se riuscisse a ridurre sarebbe comunque preferibile.

  10. Anonimo

    Buongiorno, vorrei parlarvi di un mio grande problema che sta per rovinare una storia (che avrebbe potuto essere perfetta) di 2 anni. Premetto di aver avuto sin da piccolissima problemi in famiglia per via del padre con problemi di alcolismo e dipendenza da cocaina. 2 anni fa ho conosciuto il mio ragazzo, una persona meravigliosa che mi ha fatto riscoprire cosa significa amare. Dopo qualche mese ho fatto l’amara scoperta che aveva fatto uso di cocaina. Poi un’altra volta e un’altra ancora. Più altre volte che non ho scoperto personalmente ma che ho saputo. Inutile dire che gli ho sempre detto che l’avrei lasciato ma non ne ho mai avuto la forza. Questa volta è diverso, dentro di me è cambiato qualcosa e sono sicura che la prossima volta che succederà avrò il coraggio di lasciarlo, nonostante il bene che gli voglio. Oltre alla cocaina, le canne (che l’ho obbligato a smettere ma che appena ha l’occasione si fuma ancora), l’ho obbligato a non bere più alcolici in settimana ma soltanto al week end, siccome stava diventando un’abitudine anche bere. Ha sempre avuto compagnie sbagliate e si è sempre fatto trascinare. Ora lo sto trattando come un bambino, e questa cosa mi sta facendo davvero male perché vorrei stare con una persona capace di darsi un freno. Ma non è il suo caso. Il venerdì, che sa che può bere, torna dal lavoro con una cassa di birra che non vede l’ora di bere. Premetto che non va mai a fare la spesa. Beve pure subito prima di andare a dormire, con una certa ingordigia. Sembra che ce l’ha con me per questa restrizione che gli ho imposto e quindi, quando al week end vedo che esagera, è abbastanza scontroso e non posso dirgli niente. Pure la domenica, quando ci alziamo tardi, verso le 14, subito dopo aver fatto colazione inizia a bere birra. E noto che quando la bevo pure io, controlla la quantità per paura di rimanere senza. Pure quando andiamo a cena che io non voglio bere, si compra una bottiglia di vino e se la beve solo lui. Più uno o 2 amari perché una sola bottiglia non è abbastanza. Vedo proprio che si agita quando sa che c’è alcool nei paraggi. Questa cosa è successa parecchie volte, nonostante le continue discussioni. Si preoccupa sempre di avere le scorte di alcool per il week end. Domenica scorsa è capitato che è rimasto un po’ di vino, abbastanza per riempire 2 bicchieri a metà. Io mi sono riempita il mio un po’ più del suo.. e me l ha fatto notare subito. Poco dopo mi sono accorta che si è bevuto il mezzo centimetro in più che mi ero messa per avere i bicchieri alla pari e poter bere la poca dose che gli spettava. Sono rimasta abbastanza sconvolta.. abbiamo litigato pure in quell’occasione ed è arrivato a dirmi che è stanco e che lui ha bisogno di bere perché è troppo stressato. Che ha 25 anni e non è possibile che deve fare quella vita, che se non mi va bene ci possiamo lasciare siccome ha già rinunciato a troppe cose per me.. e che dovrei sentirmi già contenta che per me non beve più in settimana, facendomi un favore. Lui ovviamente nega il problema e mi dice che io sono così fissata è per colpa della mia infanzia. Non so davvero più come comportarmi, mi sento sempre rispondere male e trattata come una “rompi palle” come mi chiama lui. So che questa situazione è malata me ne rendo conto, ma ho paura che lasciandolo andare si rovina del tutto. Ma io non ce la faccio più a vivere così, non sono mai stata una bacchettona ma purtroppo tutte queste situazioni malate mi ci hanno portato. Siccome abitiamo all estero, poco più di un mese fa, sono scesa una settimana in italia.. e al mio ritorno ho trovato il cestino pieno di bottiglie di birra con dei filtrini di canna. Mi sono messa a rovistare perché avevo già capito che c’era qualcosa che non andava solo guardandolo in faccia e comunque non ho più un briciolo di fiducia. Oltretutto sono tornata di mercoledì e l’ho ritrovato con l’alito che puzzava d’alcool (nonostante sa quanto lo stresso se beve in settimana). Era talmente preso a bere in mia assenza che non ci ha dato peso. Per favore datemi un consiglio su cosa posso fare, pure la mia famiglia non lo vuole più vedere. Sono disperata.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Purtroppo sono situazioni in cui mi è difficile fornire aiuto, perchè prima che di medicina si parla di dinamiche di coppia, su cui non ho ovviamente voce in capitolo.

      Se il suo ragazzo avesse un buon rapporto con un medico (medico di famiglia, o altro) potrebbe valere la pena fare una chiacchierata per metterlo di fronte ai concreti rischi di salute oltre che di dipendenza, ma mi rendo conto che potrebbe anche non funzionare.