Tutte le domande e le risposte per Gastroscopia: preparazione, sedazione, trans-nasale
  1. Anonimo

    ciao….mi chiamo rossella e da un paio d’anni soffro di alitosi…è possibile scoprire da cosa proviene attraverso la gastroscopia?

  2. Anonimo

    Buongiorno a tutti: come già fatto per la colonscopia, rilascio la mia personale esperienza anche in merito alle gastroscopie eseguite alcuni mesi fa: la prima di accertamento per sospetta esofagite, la seconda di controllo per verificare se a seguito delle cure il problema era rientrato – il contributo vuole solo essere di aiuto al pubblico che visita il sito per affrontare con maggiore tranquillità possibile un accertamento che può preoccupare ma che di fatto si risolve con una grande sensazione di fastidio (non dolore)

    Va sempre tenuto conto che ognuno di noi ha una propria soggettività sulle sensazioni di fastidio e soglia del dolore, sicuramente l’essere più collaborativi nei confronti degli operatori rende il tutto più semplice sia per loro che per noi

    [Il commento è stato riportato nel corpo dell’articolo, a sfondo grigio. ndr]

    Mi scuso per la testimonianza un po’ prolissa che spero comunque possa essere d’aiuto a tutti coloro che dovranno sottoporsi a questo esame e saranno sicuramente preoccupati di ciò a cui andranno incontro

    Cordialità

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La ringrazio di cuore per la sua testimonianza; come per la precedente mi sono permesso di copiarla nel corpo dell’articolo in modo che rimanga a disposizione dei lettori.
      Grazie ancora.

    2. Anonimo

      Gentile Admin,
      ci mancherebbe altro, avete fatto bene, spesso si consultano i forum per trarre notizie al fine di conoscere il più possibile a cosa si va incontro ed essere un minimo preparati ma poi, una volta fatto l’esame ci si dimentica di andare magari a portare la propria esperienza a favore di chi, dopo di noi, dovrà affrontare lo stesso esame o altri – Beh, il Vostro sito mi è piaciuto e l’ho trovato utile, semplice e di facile fruizione, visto che ne ho tratto un piccolo vantaggio mi è sembrato doveroso ricollegarmi e portare la testimonianza diretta delle mie esperienze sperando che possano alleviare le ansie di qualcun altro

      Un caro saluto e grazie di cuore a Voi

      Mario

  3. Anonimo

    Volevo riportare la mia personale esperienza circa la gastroscopia transnasale che ho eseguito questa mattina. Visto che due anni fa circa mi sono sottoposto alla gastroscopia classica, devo dire che la differenza in effetti è abbastanza evidente. Non è ovviamente una passeggiata(si tratta pur sempre di una endoscopia..) ma il fatto che si riesce a parlare, degluire, non hai conati ecc.. rendono comunque l’esame più facile da affrontare. Molto buono il fatto che non usano il sedativo(almeno il dottore così mi ha detto, che solitamente non lo fanno) ed in effetti non c’è ne bisogno

    1. Anonimo

      Dimenticavo.. vi segnalo questo articolo che tratta sempre della transnasale:

    2. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Grazie mille per la segnalazione.

  4. Anonimo

    Salve, volevo semplicemente riportare la mia testionianza. Proprio oggi pomeriggio ho effettuato una gastroscopia transnasale a Roma nella clinica dove lavora il dott. Mangiarotti. Devo dire che è stato un esame fattibile e che soprattutto dura pochissimo. Era la mia prima gastroscopia ma l’esameè durato 3 o 4 minuti facendo anche una biopsia, l’esame per vedere la presenza o meno del batterio nello stomaco. La sensazione più fastidiosa è il tubo nel naso, ma niente di non sopportabile. Nella gola, nella trachea e nell’esofago non si sente nulla, o meglio si sente un po’ di solletico, ma riuscivo tranquillamente a deglutire, a parlare e a respirare con grande facilità. E’ un esame che svolto con queste modalità rende davvero tutto più facile per il paziente e per il medico che si trova di fronte persone spaventate e poco collaborative. Sono pienamente soddisfatta e lo consiglio vivamente.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Grazie di cuore per la sua testimonianza.

  5. Anonimo

    Buongiorno a tutti. Si posso anch’io confermare in effetti che la gastroscopia transnasale è di gran lunga molto più sopportabile. Tra l’altro prendendo spunto da questo blog (penso si tratti di questo, mi scuso se il termine fosse improprio) ho prenotato anch’io una gastroscopia con il medico sopra riportato e con mia grande piacere tutto è andato bene. Nulla a che vedere con l’esame classico dove, almeno io, ho sempre necessitato di anestesia. Sicuramente consigliabile, qui trovate parecchie informazioni:

  6. Anonimo

    E’ possibile fare la gastroscopia con la colata di gel sulle unghie? Grazie!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non vedo controindicazioni.

  7. Anonimo

    vorrei sapere se in sicilia esiste qualche centro dove eseguono la gastroscopia transnasale grazie anticipatamente

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Putroppo non occupandomi di questo campo non sono in grado di indicarle centri nella sua regione.

    2. Anonimo

      si, guarda su questo sito specializzato (qualcuno tra l’altro già la ha riportato prima)

  8. Anonimo

    salve, lun 12 dicembre ho finito una terapia antibiotica per via di una bronchite trascurata.dato che ho problemi oramai da mesi e mesi allo stomaco..dolori, non digerisco ecc ecc e crampi intestinali e nausee mattutine forti che placo solo con gomme da masticare, mi chiedevo entro quanto potro fare una gastroscopia? si puo fare durante lo stomaco dolorante?
    grazie
    buon lavoro

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A mio parere anche subito, farla nel momento di dolore ha il vantaggio che permette di vedere la situazione quando si manifesta il sintomo.

  9. Anonimo

    In quale ospedale e’ gia’ in funzne la gastroscopia con la pillola telecamera? Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Che io sappia, ma potrei sbagliarmi, ancora in nessun ospedale in modo routinario.

  10. Anonimo

    buongiorno dottore,siccome ho fatto l’esame del sangue x vedere se ero intollerante a qualche alimento.oggi andro’ a ritirare il mio esame,pero’ ieri con l’analista ci siamo sentiti x telefono e mi suggeriva (c0nsigliava) momentaneamente di nn mangiare alimenti ke contengano grano duro e grano tenero.sentendo questa notizia ho pensato subito di avere un problema legato alla celiachia,il dottore x telefono nn me l’ha confermato mi ha suggerito solo di fare una cura evitando di mangiare x un bel po’ di tempo almeno 3 mesi pane e pasta.molto probbabilmente,sicuramente dovro’fare la gastroscopia sn molto preoccupato sia x eventuale gastroscopia ke x eventuali risultati della biopsia.in questo periodo sto rivivendo un periodo ke gia’ ho passato cioe’ quello di essere anzioso e senza tanta voglia di fare.a questo punto mi auguro’ke vada tutto bene anke se ho dei dubbi,anke se nn e’ detto penso di essere celiaco.e poi spero ke nn mi spunti nulla di grave nella biopsia.scusi dottore le auguro’ una serena giornata.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Comprendo le sue paure, ma si sforzi di vivere serenamente; in fondo non ci aspettiamo nulla di grave, ma stiamo lavorando per cercare di aumentare la qualità di vita. Mi tenga al corrente.