Tutte le domande e le risposte per Colonscopia: preparazione, procedura, dolore, …
  1. Anonimo

    Gent.ma dott.ssa,
    leggo le sue indicazioni e le trovo molto semplici e lineari.
    Le pongo un quesito che mi riguarda.
    Da qualche mese avverto avverto una sensazione di gonfiore nella parte destra che si sposta dalla parte a ridosso dell’inguine fino verso l’ombellico. A parte questo fastidio, digerisco regolarmente. In passato ho avuto problemi di reflusso gastrico dovuto a stress continuo. Ritiene che siano collegabili le cose? Che ipotesi può fare in merito alla sua esperienza?
    Grazie per l’attenzione

    1. Anonimo

      Senza una visita è sempre difficile fare ipotesi concrete, tuttavia lo stress ed eventualmente anche il reflusso possono senza dubbio contribuire alla sensazione da lei descritta.

  2. Anonimo

    salve ho 33 anni e da circa un anno soffro di fastidi,gonfiori dopo i pasti e a volte dolore alla parte sinistra,ho tutti gli esami negativi(analisi al sangue,tc addome,celiachia, visita ginecologica)nn ho sanguinamento,ho stitichezza,il mio gastroenterologo associa tutto ciò ad ansia e nervosismo anche se nn escluderebbe una colonscopia.Prendo da una settimana dei prodotti che evitano il meteorismo(meteosin,sinargie)e i fastidi sono notevolmente diminuiti,è meglio fare comunque una colonscopia o posso ricondurre tutto ad aria nello stomaco?premetto ke ho una paura folle della colonscopia già rimandata 2 volte consigliatemi grazie

    1. Anonimo

      A mio avviso se il suo gastroenterologo, che conosce meglio di me la situazione, non considera indispensabile l’esame lo rimanderei; sicuramente l’ansia può giocare un ruolo fondamentale nei disturbi descritti.

  3. Anonimo

    Salve, mi chiamo Giuseppe, ho 29 anni, da molti anni (circa 7) soffro di prurito anale con sporadici sanguinamenti di colore chiaro. L’estate scorsa ho avuto anche alcune sensazioni di disagio anale però nel tratto interno, più o meno risalendo dieci centimetri all’interno del retto, come se fosse indolenzito/gonfio, inoltre al tatto sento l’ano come se in un punto fosse “deformato” e con una specie di “restringimento”. Spesso ho anche il sintomo di “sudorazione del coccige” come quando si trattiene a lungo le feci, solemente che io non ho lo stimolo di defecare. Ho fatto la ricerca di sangue occuolto nelle feci e esame parassitologico, con esiti negativi. Ho fatto una visita da un proctologo della mia città e mi ha visitato facendo una anoscopia (credo) mi ha diagnosticato “ragade anale superficiale”, lui a voce mi ha detto che ho tante piccole “ragadine”. E mi ha prescritto un detergente, delle fibre in bustina e una potama cicatrizzante. Dopo un mese in termini di sanguinamento non ho avuto perdite, ma era già una cosa sporadica prima, però ho sempre quella sensazione di indolenzimento/gonfiore del tratto interno del retto, anche se meno marcata, e quella sudorazione avviene invece abbastanza spesso. Io vorrei sottopormi a colonscopia, pensa che sia inutile?
    Distinti Saluti

    1. Anonimo

      Non penso sia inutile anche se, prima di procedere, sentirei il parere del suo medico; l’esame è quantomeno antipatico, anche se mi rendo conto che da parte sua c’è il forte desiderio di risolvere il problema.

  4. Anonimo

    salve devo fare una colonscopia con anestesia generale per non sentire l’eventuale dolore mi hanno kiesto visita cardiologica rx torace e varie analisi al sangue mi hanno tranquillizzato sul fatto ke questa anestesia è leggera,vado la mattina stessa faccio l’esame e in giornata vado via senza passare la notte in osservazione.Posso davvero stare tranquilla o no?

    1. Anonimo

      Sicuramente, i protocolli sono ormai standard e le complicazioni rarissime.

  5. Anonimo

    Salve
    Mio fratello31anni,l’hanno scorso a ottobre è stato operato, causa un tumore di 15,5cm al intestino ed una parte del pancreas,li x li è andata tt bene,e lui fino ad oggi stava bene, purtroppo dopo vari sintomi avuti ultimamente ha rifatto gli analisi, oggi gli hanno detto ke ha di nuovo il tumore al intestino 15cm, ma come è possibile?
    ps:io essendo la sorella ke tipo d’esamini mi consiglia di fare?
    (mia madre 53anni, 5anni fa è stata operata sempre x un tumore al intestino grosso,ke ad oggi sta bene, e mio papa purtroppo è morto sempre x un cancro gestito male,20anni fa?
    Grazie di cuore

    1. Anonimo

      Premesso che non mi occupo di questo campo, potrebbe essere opportuno concordare con il suo specialista di fiducia un piano di screening periodico per rilevare eventuali anomalie con anticipo, vista la famigliarità con il problema in oggetto.

  6. Anonimo

    ore 17,55 sono qui in attesa perche i 2 litri di purgante faccia effetto,domani pomeriggio mi sottoporrò a colonscopia con asportazione di un polipo,cosa posso dire speriamo bene.ho letto che è molto fastidiosa,questo ve lo confermerò domani,ma vi assicuro che secondo me non c’è esame più mortificante e fastidioso come quello del clismaopaco cosa che ho effettuato e nella circostanza è risultato che avevo questo polipo,va bè speriamo bene

  7. Anonimo

    Ho 58 anni, in passato ho sofferto di emorroidi e regadi anale, il medico curante mi ha consigliato di fare una conscopia per verificare lo stato di salute del mio intestino.Soffro di diabete,posso continuare a prendere la pillola del diabete fino al giorno prima dell’easame? Ho paura che il digiuno dalla mattina mi possa causare un calo della glicemia? Ho paura dell’anestesia totale.,La posso evitare? grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A meno che non le sia stato espressamente specificato dubito che la sottoporranno ad anestesia totale; per quanto riguarda il discorso diabete bisognerebbe valutare più a fondo il problema prendendo in esami dosi e sostanze. Se come mi sembra di capire non ricorre all’insulina potrebbe aspettare di terminare l’esame per assumere la pastiglia, ma meglio sarebbe valutare come comportarsi con il suo medico che conosce cosa assume ed i precedenti valori di glicemia.

  8. Anonimo

    Salve, a mio padre è stato diagnosticato in adenocarcinoma al retto, ostento ottimismo (specie in sua presenza) ma ho in realtà una gran paura, tra circa una ventina di giorni dovrà sottoporsi all’intervento. Volevo gentilmente sapere, quale dieta dovrà seguire durante tale attesa? Grazie, cordiali saluti.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Credo non ci siano particolari indicazioni, se non quelle solite di una dieta leggera e priva di sostanze irritanti come spezie, cibo piccante e grassi in eccesso; verdure ed abbondate acqua sono invece importanti per non avere problemi di stitichezza.

  9. Anonimo

    ciao, da circa tre mesi, dopo pranzo soffro di dolori addominali seguiti da diarrea, dopo tantissimi esami tutti ok, domani dovrò fare la colonoscopia, oggi ho deciso di fare il digiuno per purificarmi per bene, ma ho tanta paura, paura dell’esito non tanto dell’esame stesso, tanto 10/20 minuti passano in fretta, il mio pensiero è l’esito pauraaaaaa……ciao farò sapere

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      In bocca al lupo!

  10. Anonimo

    ciao, ho fatto l’esame stamattina tutto ok, non è che sia poi cosi tragico, ho deciso di farlo anche senza calamante, è un pò doloroso solo nelle “curve intestinali” coraggio a chi deve ancora sottoporsi, cè di peggio nella vita ciao a tutti.baci

    1. Anonimo

      Sembra buono ciò che dici fejoia e come lo dici. Dovrò passare anche io da questa porta e leggendoti ci vado lo stesso a malincuore, ma a petto in fuori.
      Grazie caro.
      Giovanni.