Tutte le domande e le risposte per Depressione: sintomi, cause, cura, prevenzione
  1. Anonimo

    Tempo fà ho avuto una grave perdita e pensavo di esserne finalmente uscita, ma è da mesi che ho sempre un senso di tristezza, piango anche per una parola che mi viene detta con un tono più forte, sono sempre stanca e dolorante. Ho problemi economici e spesso penso che se mi capitasse qualcosa la mia famiglia starebbe meglio. Ho sempre sorriso alla vita, credo immensamente, ma oggi tutto mi sembra inutile. E’ questa la depressione?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Forse un principio, sì; non butti ulteriore tempo, volersi bene ed amare Dio significa prendersi cura della vita che ci è stata donata.

  2. Anonimo

    admin, mio figlio prende el alprazholam…fino 5 al giorno ..questo x ke dici nn estare bene..e doct le a detto massimo 3..ma lui nn capisci questo..adesso sta provando a lasciarlo dal ttto e andata peggio..io nn sapeva il fatto,ieri lo o saputo..lui a 23 anni ,un bell ragazzo ma..sempre depresso…cm puo fare a smetere quel farmaco senza sentirse cosi tanto male? cn il tremore ke li manca le pastiglie…ormai lui e calmo..ma dice ke i tremori sono interni..(io capisco..me sto curando ankio)…pero il poblema ke lui lo lascio dal tutto y sta molto male…pero molto…come se puo fare per abandonando la pastiglia non sentirse cosi….gracie admin aspeto tu consiglio…(ke debera fare lui?)

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Deve diminuire molto lentamente, ogni giorno “poco poco” di meno.

  3. Anonimo

    salve da circa due settimane il mio ragazzo e ricaduto in depressione.dice che lui non puo’ amarmi piu’ che lui è pazzo..mi ha anche lasciata xchè dice che non vuole farmi del male.oggi l’ultima litigata cioè da parte sua dice che non devo chiamarlo piu’ anche se lui è impazzito mi amava veramente.non siamo della stessa città cosa devo fare?non devo chiamarlo?dice che lui non puo’ amare a causa di questa cosa che gli viene ma lui è un ragazzo stupendo.a novembre gli capito’ poi è stato bene e torno’ da me.quando si guarisce pensa ancora queste cose?lui cadde in depressione anni fà a causa di una delusione sentimentale..lui in queste due settimane anche quando non stava bene cercava di nascondermelo xerò io lo vedevo che non sorrideva piu’, non scherzava piu’,era sempre stanco forse anche a causa del lavoro gli e ricapitata questa cosa.spero che quando stà bene ritorni da me.vorrei un parere xchè pensa di essere pazzo?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Temo di non poterla aiutare, si mischiano probabilmente problemi di depressione e sentimentali e non ho purtroppo modo di essere concretamente d’aiuto.

  4. Anonimo

    si è chiuso in se stesso mi racconto’ di quando cadde la prima volta in depressione e ha paura di raccontarlo alla famiglia..anche il lavoro dice che gli va male..grazie lo stesso

  5. Anonimo

    Salve mi chiamo luca..sono un ragazzo di 27 anni…,un tipo carino curato..no snob, da parecchio tempo soffro di depressione..le cause sono molte.. faccio un lavoro che non mi piace(pulito)..,vivo ancora con i miei è non posso permettermi di pagare casa..,ma la cosa che mi tortura terribilmente è il fatto di essere gay..non riesco ad accettarmi così.. anche perchè non sono dichiarato..non frequento ambienti del genere.Trovo una rara attrazzione verso le ragazze.. ne sono stato pure innamorato..ma da qualche mese ho perso propio la testa per un ragazzo che vedo spesso..in questo momento mi sento sfinito..io non ne parlo con nessuno della mia vita..(frequento ambienti sportivi)..tantomeno di queste cose..purtroppo sono costretto a sopportare tutto in silenzio..mi sento stanco a piu di dieci anni che non ho pace..(eppure rido sempre)..non c’è la faccio piu.. m’irrita tutto.. vedo le cose in modo brutto..si può morire per amore..?non riesco neanche a piangere..ma la cosa piu brutta è che non mi posso neanche suicidare..voglio far vivere una vecchiaia tranquilla hai miei genitori..prima ci pensavo spesso..anzi era un chiodo fisso..ma con l’età si matura..qualche anno fa il mio medico mi scrisse degli antidepressivi…mi sono imbottito per più di un anno..( di nascosto)..ma niente sempre alti e bassi…volevo chiederle esiste una cure per l’omossesualità(ormoni)..? h0 perlomeno qualche farmaco che mi faccia vivere..

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      L’omosessualità non è una malattia e le cure esistono solo per ciò che deve essere guarito; mi rendo conto di essere banale, ma temo che fin quando si porterà dentro questo peso sarà sempre più dura.
      Se davvero è innamorato di questo ragazzo e ne è ricambiato, si faccia avanti; affrontando in 2 i problemi è tutto meno difficile, anche se deciderete di non dichiarare nulla. Se questo ragazzo invece fosse etero cerchi qualcuno con cui potersi sfogare, magari un’amica che la sappia ascoltare; è dura, è davvero dura, ma sono convinto che se si guarda attorno scoprirà di non essere solo e di trovare più comprensione di quanto si aspetti.

    2. Anonimo

      La ringrazio.. del consiglio,il fatto è che già ho avuto delle brutte esperienze(amicizia),e adesso non mi fido più di nessuno..anche se sono circondato da parecchi amici..,avvolte mi viene voglia di parlare…. ma niente! Magari se mi potrebbe consigliare qualche calmante(ansiolitico)..che non mi stordisce; ho paura che qualche volta mi venga qualche infarto.. perchè mi sento male anche fisicamente..la ringrazio infinitamente per aver risposto..malgrado mi sento distrutto cercherò di reagire ..grazie

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se non l’avesso ancora fatto potrebbe provare con la Valeriana (la trova in farmacia in diverse forme, gocce, capsule, sciroppo, …), mentre per farmaci più forti serve la ricetta medica. Ricordi però sempre che sono farmaci delicati, facili da usare ma difficili da interrompere.

  6. Anonimo

    Buonasera sono una giovane donna di 28 anni e da mesi mi sento così infelice… mi sono licenziata da lavoro perchè non riuscivo più a sopportare l’idea di stare in quel posto, pensavo che i miei malesseri fossero dovuti unicamente dal mio posto di lavoro ma dopo un brevissimo periodo di tranquillità è da qualche mese a questa parte che sto sempre peggio, piango tutti i giorni (di sera poi piango a dirotto), basta una mezza parola di troppo che nella migliore delle ipotesi ricomincio a piangere, nella peggiore mi irrito così tanto da non riconoscermi nelle cattiverie che mi trovo inconsapevolmente a dire. La notte mi addormento sempre più tardi e la mattina fatico a trovare un buon motivo per alzarmi, ho un costante terrore che le persone a me più care possano morire, nei momenti di arrabbiatura mi vengono delle fortissime fitte allo stomaco e mi manca il respiro.. sono ingrassata di 8kg in 6 mesi e ho sempre continuamente fame, ed infine ho una paura matta dei germi e di ammalarmi ragion per cui sto lentamente ma inesorabilmente lasciando uscire il sesso dal rapporto col mio compagno per paura di contrarre infezioni (è raro che io abbia spinte sessuali, la voglia mi passa a priori)….. ah quasi dimenticavo la cosa più importante: mi angoscia l’idea di non vedere realizzati i miei sogni e mi sento un totale fallimento… ma non ho voglia di confidare queste cose a nessuno perchè mi sento stupida, ho dei genitori amorevoli che ancora mi mantengono in casa e un ragazzo dolcissimo che adoro.. non c’è motivo per essere così a terra eppure mi sento sfiorire dentro giorno per giorno….. Caro Adm, è questa la depressione? Scusa x la lungaggine, ma è veramente la prima volta che riesco a parlarne apertamente…

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, è possibile, e se non è depressione è qualcosa che davvero ci si avvicina; non perda ulteriore tempo, il suo compagno ed i suoi genitori meritano che lei riprenda in mano la sua vita o almeno non perda la voglia di combattere.
      Sono sicuro che tutti e 3 sarebbero in prima linea con lei se solo li rendesse partecipi del suo disagio, delle sue paure e del male di vivere che si porta dentro.
      Non è mai troppo tardi per invertire la rotta e riprendere in mano la sua vita, ma deve dare fiducia a chi le vuole bene e non avere paura di chiedere loro aiuto: lei pretenderebbe le stesse cose da loro a parti invertite.

  7. Anonimo

    Salve scusi volevo chiedere se per poter curare la depressione bipolare c’è per forza bisogno di prendere degli antidepressivi?
    potrei riuscire con il tempo grazie solo a delle sedute a guarire? e la cosa che più mi spaventa è quello della ricerca dello psichiatra perchè io non sono competente in questo campo e il mese prossimo , attraverso la sanità pubblica ,avrò il mio primo colloquio con una psichiatra; come posso capire se mi consiglierà la cura giusta? non vorrei che un approccio sbagliato mi faccia cascare di più nella sfiducia.
    Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non è strettamente indispensabile la cura farmacologica, anche se credo che la quasi totalità degli specialisti sia concorde sulla sua importanza; per valutare la qualità del medico sarà necessaria qualche seduta e si renderà conto da sola se l’approccio è utile al suo caso.

  8. Anonimo

    Ti ringrazio molto, questo post m’ha aperto gli occhi e mi ha fatto rendere conto che è un problema che potrebbe riguardarmi in prima persona, sono anni che soffro di alcuni dei sintomi elencati e, ultimamente, sembrano stiano peggiorando drasticamente tuttavia, fino ad’ora non avevo mai preso in considerazione l’idea che potesse essere depressione e, sinceramente, anche ora ne dubito ma ho deciso di chiedere aiuto ma c’è un problema, sono contro gli psicofarmaci e non ho intenzione alcuna di prenderne, questo potrebbe crearmi eventuali problemi con il mio futuro analista? La ringrazio in anticipo

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      No, non necessariamente è un problema.

  9. Anonimo

    Per 2 volte settembre 2005 e gennaio 2010 ricoverato in clinica per cura depressiva e attacchi di panico 1 mese per ogni ricovero, a causa di dissapori con la moglie tanto è vero che ci stiamo separando, fino a circa 1 mese fa mi curavo con 4 pastiglie di Sanax al giorno e 2 di Serenol, dopo di ciò da poco più di 2 mesi, ho inziato una cura Omeopatica, nel frattempo sto mangiando tutto ciò che mi e stato prescritto, e sono dimagrito di 12 Kg arrivando ora a pesare 72 Kg peso forma, peso che avevo prima della depressione. faccio presente che benefici ne ho avuti curandomi con l’Omeopatia, però ho una strana euforia, ho voglia di fare tante cose, però m’accorgo
    che tutto ciò possa danneggiarmi perché non riesco a ponderare le cose, e per questo ho paura di sbagliare, in parole povere di incappare in qualche guaio, esempio di fare un acquisto sbagliato, di firmare qualche documento che possa procurarmi dei guai seri. Io chiedo avendo smesso di prendere Sanax e Serenol per passare alla cura Omeopatica, questo cambio di cura possa essere efficace non procurandomi ulteriori problemi Grazie per la risposta.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se si sente bene credo che nel suo caso il cambio di cura le abbia giovato, direi che va bene così! 😉

  10. Anonimo

    Caro admin rieccomi qui solo per dire che finalmente sto bene! la cura ha funzionato ornmai sono più di 4 settimane che prendo faxine,e sto veramente bene ho ripreso anche 2 kg dei 10 che avevo perso….grazie anche perchè quando stavo male le sue parole mi davano il coraggio di andare avanti..grazie ancora

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Grazie a lei, sono davvero felice che sia riuscita a risolvere!