Alopecia androgenetica femminile e maschile: cause e cura

Ultimo Aggiornamento: 189 giorni

Introduzione

L’alopecia androgenetica è una forma frequente di calvizie che colpisce sia gli uomini che le donne. Negli uomini questa patologia è anche nota come calvizie maschile.

L’alopecia androgenetica è una causa frequente di calvizie per entrambi i sessi, anche se è più frequente in quello maschile, interessando nel corso della vita fino all’80% degli uomini ed il 50% delle donne.

Può iniziare già dall’adolescenza e la probabilità di ammalarsi aumenta con l’età: si tratta quindi di fatto una situazione che per molti specialisti è un’evoluzione fisiologica più che una condizione patologica (malattia), ma ciò non toglie che venga spesso vissuta con un profondo disagio e ripercussioni negative sia sul piano psicologico che sociale.

Un’età più precoce di insorgenza è in genere legata a un tasso più rapido di progressione e soprattutto, nel caso dell’uomo, è spesso legata (anche) a fattori ereditari.

Alopecia maschile

Nell’umo colpito da alopecia androgenetica la caduta avviene seguendo uno schema ben preciso:

  1. I primi a cadere sono i capelli sulle tempie.
  2. Nel tempo la fronte diventa sempre più ampia, finché si viene a creare la caratteristica forma a “M”.

    Fotografia dall'alto di un uomo con alopecia androgenetica (calvizie)

    iStock.com/herkisi

  3. I capelli diventano più radi anche sulla corona (la parte superiore del capo),

    Diradamento corona

    Diradamento corona (By Before My KenOwn work, CC BY-SA 3.0, Link)

  4. e spesso il diradamento prosegue fino a trasformarsi in calvizie parziale o totale.

Nell’uomo l’alopecia androgenetica è stata collegata a diverse altre patologie, come ad esempio alla cardiopatia coronarica e all’ingrossamento della prostata, una ghiandola grande circa quanto una noce situata sotto la vescica. Anche il tumore della prostata, i disturbi legati all’insulino-resistenza (come il diabete e l’obesità) e la pressione alta (ipertensione) sono stati collegati all’alopecia androgenetica.

Alopecia femminile

La configurazione della calvizie femminile è diversa da quella maschile.

Nelle donne, i capelli si diradano su tutto il capo e non si ha alcuna stempiatura, anche se in questo caso l’alopecia androgenetica provoca raramente una calvizie totale.

Nelle donne l’alopecia androgenetica è collegata a una maggiore probabilità in presenza della sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). La PCOS è caratterizzata da uno squilibrio ormonale che può provocare irregolarità mestruali, acne, eccesso di peli (irsutismo) e aumento di peso.

La calvizie è comunque più probabile dopo la menopausa.

Cause

Esiste una grande varietà di fattori genetici e ambientali che con tutta probabilità giocano un ruolo fondamentale nella comparsa dell’alopecia androgenetica; sono allo studio numerose ipotesi, ma è probabile che molti altri siano tuttora sconosciuti.

Si è scoperto che questa forma di calvizie è collegata agli ormoni androgeni, soprattutto a un androgeno chiamato diidrotestosterone. Gli androgeni sono importanti per il normale sviluppo maschile prima della nascita e durante la pubertà, hanno anche altre funzioni importanti sia negli uomini sia nelle donne, come ad esempio la regolazione della crescita dei capelli e del desiderio sessuale.

La crescita dei capelli inizia sottopelle, in strutture apposite chiamate follicoli. Ciascun capello di solito cresce per un periodo variabile dai 2 ai 6 anni, poi entra in una fase di riposo per alcuni mesi e infine cade. Il ciclo ricomincia quando il follicolo inizia a produrre un nuovo capello. Se nei follicoli aumentano i livelli di androgeno la crescita del capello può avere un ciclo più rapido e il capello può crescere più corto e più sottile, oltre a trascorre più tempo tra il momento della caduta e la ricrescita del nuovo capello che va a sostituire quello caduto.

I ricercatori ritengono che esistano diversi geni che contribuiscono all’alopecia androgenetica, però nelle persone affette da questa malattia sono state individuate mutazioni di un unico gene (il gene AR). Il gene AR dà le istruzioni per costruire una proteina che funziona da recettore per l’ormone. Queste strutture cellulari permettono che l’organismo risponda correttamente al diidrotestosterone e agli altri androgeni circolanti nel sangue. Le ricerche suggeriscono che le mutazioni del gene AR provocano l’aumento dell’attività dei recettori dell’androgeno all’interno dei follicoli, ma non è tuttora chiaro però come facciano queste mutazioni genetiche ad aumentare il rischio di calvizie negli uomini e nelle donne affetti da alopecia androgenetica.

Si continuano a compiere ricerche sul collegamento tra l’alopecia androgenetica e altre patologie, come ad esempio la cardiopatia coronarica e il tumore alla prostata, negli uomini, e la sindrome dell’ovaio policistico nelle donne. Si ritiene che alcune di queste patologie possano essere collegate con livelli di androgeno eccessivi: in questo modo si potrebbe spiegare perché tendono a verificarsi in concomitanza con la calvizie di origine ormonale. Esistono anche altri fattori ormonali, ambientali e genetici che, pur non essendo ancora stati individuati, potrebbero essere coinvolti.

L’ereditarietà è tuttora poco chiara, perché probabilmente come detto coinvolge diversi fattori genetici e ambientali. Questa patologia, tuttavia, tende a ricorrere nelle famiglie, quindi avere un parente stretto affetto da calvizie sembra essere un fattore di rischio per l’insorgere della alopecia androgenetica.

Cura

Purtroppo non esiste ad oggi una cura definitiva per l’alopecia androgenetica, ma in generale la progressione di questa condizione tende ad essere piuttosto lenta (anni o decenni) e questo consente di affrontarla sia con i farmaci che con la chirurgia.

Esistono diversi medicinali che permettono di rallentare ed eventualmente bloccare, ma solo raramente invertire, il processo di caduta dei capelli: il farmaco più importante nella gestione del paziente uomo è sicuramente la finasteride (Propecia®).

La finasteride è una sostanza usata per il trattamento dell’ipertrofia prostatica benigna alla dose di 5 mg al giorno, mentre alla dose di 1 mg al giorno è la cura d’elezione per la calvizie. Il problema maggiore è che, nei mesi successivi al momento in cui si decide di interrompere la cura, i capelli riprenderanno a cadere ed una nuova terapia non consentirebbe uguali benefici.

I principali effetti collaterali sono:

  • diminuzione del desiderio sessuale,
  • minore concentrazione di spermatozoi nel liquido seminale.

Entrambi gli effetti sono poco comuni e comunque risolvibili con la sospensione del farmaco.

L’altro farmaco molto utilizzato è il minoxidil, già noto per la cura dell’ipertensione. In caso di alopecia androgenetica si utilizza localmente, sotto forma di lozione da applicare sul cuoio capelluto, e l’obiettivo è la stimolazione del bulbo pilifero. Anche in questo caso l’uso deve essere continuativo, perché la sospensione riporta i capelli alla situazione iniziale precedente la terapia.

I principali effetti collaterali sono:

Ricordiamo infine la possibilità di usare altri farmaci anti-androgeni da utilizzare localmente.

Nelle donne si ricorre spesso a farmaci anti-androgeni, come lo spironolattone e/o il ciproterone acetato.

L’alternativa è rappresentata dalla soluzione chirurgica, ossia l’autotrapianto, che permette in genere risultati soddisfacenti.

Convivere con l’alopecia androgenetica

Convivere con la caduta dei capelli può essere difficile, tuttavia esistono molte strategie utili, tra cui:

  • Indossare una parrucca, un parrucchino, un foulard o un cappello.
  • Usare una cipria, un fondotinta o una matita della stessa tinta dei capelli per coprire le chiazze, e per rendere meno evidente la caduta dei capelli.
  • Usare una matita per mascherare la mancanza delle sopracciglia.

Può essere utile

  1. Documentarsi il più possibile sulla patologia.
  2. Parlare con altri pazienti che si trovano nella vostra stessa situazione.
  3. Apprezzarsi per come si è e non per i capelli rimasti.
  4. Confrontarsi con uno psicologo, se necessario, per costruire un’immagine positiva di sé stessi.

Ecco alcuni accorgimenti che vi saranno utili per ridurre i pericoli o il disagio causati dalla caduta dei capelli e dei peli.

  • Usare oli o creme solari per il cuoio capelluto, per il viso e per tutte le zone esposte della pelle.
  • Indossare gli occhiali da sole per proteggere gli occhi dalla luce eccessiva, ma anche dalla polvere e dal pulviscolo, quando le ciglia e le sopracciglia vengono a mancare.
  • Indossare parrucche, cappelli o foulard per proteggere il cuoio capelluto dal sole e tenere calda la testa.
  • Applicare creme antibiotiche all’interno delle narici per proteggervi dai germi se i peli del naso sono caduti.

Fonte principale: NIH (adattamento a cura di Elisa Bruno)

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande e risposte
  1. Anonimo

    L’esposizione al sole aiuta o peggiora la situazione?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Che io sappia è ininfluente, in quanto le cause sono organiche.

  2. Anonimo

    Salve volevo sapere se una caduta di capelli di circa 280 dopo un lavaggio di 4 giorni è normale in questo periodo.
    Inoltre le chiedevo se mi può consigliare un balsamo non aggressivo, che mi possa aiutare contro questa caduta. Ho i capelli fini e ricci.
    Grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, è normale perdere molti capelli in questo periodo, ma se nota una perdita prolungata farei comunque un controllo dermatologico per sicurezza. Il balsamo in realtà non dovrebbe mai essere aggressivo, avendo l’unica proprietà di districare i capelli, non esistono balsami anti caduta.

  3. Anonimo

    Certo…capisco bene, ha un codice da rispettare, ma le chiedevo soltanto il nome del principio attivo dell’integratore…il componente che potrebbe contenere uno shampoo che potrebbe rendere il capello più corposo…senza menzionare la marca….grazie per qualsiasi suggerimento potrà darmi/ci

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Sarebbe la stessa cosa, il problema non è la pubblicità, è che non si possono consigliare farmaci e prodotti senza visitare il paziente.

  4. Anonimo

    Buonasera, lavo i capellu tutti i giorni perchè ho un capello molto grasso e fine, che prodotti mi consiglia per nutrire il capello fine e renderlo più forte e robusto? Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso consigliare alcun prodotto/farmaco.

  5. Anonimo

    Mi scusi dottore,se prendessi la pillola anticoncezionale,migliorerebbe la situazione della caduta di capelli?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      In alcuni casi effettivamente si hanno dei benefici, ma dipende spesso dalla causa.

  6. Anonimo

    Buona sera,in passato ho avuto diversi episodi di perdita anomala di capelli,bene o male la capigliatura si e’ poi sempre ripresa.da un’annetto circa le cose stanno andando sempre piu’ male,Ho 39 anni,sono in perfetta salute,sono anche donatrice avis e le analisi sono risultate sembre perfette,inoltre non ho problemi ne di tiroide ne di ovaio policistico,Soffro solo di candida e ho notato che questa perdita eccessiva di capelli l’ho avuta in concomitanza di eventi stressanti.da u’annetto sono separata ed effettivamente vivo una situazione stressante,come posso porre rimedio,prima di finire con la parrucca?grazie!

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Al suo posto se ancora non l’avesse fatto mi rivolgerei a un tricologo per escludere con certezza ogni possibile causa organica, fatto questo valuterei un percorso psicologico per la gestione dello stress (in questi casi purtroppo non ci sono reali alternative, ma ne beneficerebbe anche la sua qualità di vita).

  7. Anonimo

    Salve, saprebbe dirmi dei buoni prodotti per la cura dell’alopecia androgenetica femminile? Grazie mille

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, sono solitamente creme o lozioni a base di cortisone, sono prescritti direttamente dal dermatologo in base al quadro clinico, al tipo di alopecia, in associazione eventualmente ad altri prodotti come alcuni integratori.

    2. Anonimo

      Solo integratori non sono sufficienti? Grazie mille

    3. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Purtroppo non necessariamente, ma ogni caso è a sé.

    4. Anonimo

      Grazie mille

  8. Anonimo

    Perche’ avevo letto che dopo che si sospende la pillola possono cadere molti capelli, grazie mille

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Non è detto, non è un evento frequente comunque.

    2. Anonimo

      Grazie mille