Tutte le domande e le risposte per Lassativi: guida alla scelta ed all’uso
  1. Anonimo

    Buongiorno Dottore,
    vorrei un Suo parere riguardo alla mia situazione. Prendo ogni giorno per evacuare, da qualche anno ormai, 1/2 microclismi per via rettale. Ultimamente la pancia mi si gonfia tantissimo, mi duole al tatto e non riesco più a evacuare perfettamente, ma sempre parzialmente.
    Come lassativi ritenevo fossero tra i più innocui e comunque che potessero dare l’effetto contrario non tanto di costipazione e gonfiore. Può essere dovuto il tutto ad un abuso di questi? Grazie per la disponibilità

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Premesso che il microclisma NON è comunque adatto ad un uso sul lungo periodo, non credo che sia la causa del gonfiore, che va quindi cercata altrove.

    2. Anonimo

      grazie per la disponibilità saluti

  2. Anonimo

    Buongiorno dottore,
    Sono un po’ preoccupata per la mia stitichezza e vorrei un suo parere a riguardo
    Non ho mai sofferto di stipsi, anzi sono sempre stata molto regolare. Per due settimane ho fatto una dieta principalmente proteica, ma talvolta assumevo anche carboidrati e yogurt tutti i giorni. Dopo tre giorni che non andavo in bagno, ho avuto una scarica di dissenteria molto potente, accompagnata da forti crampi addominali. Sono passati cinque giorni dalla scarica di dissenteria, e non riesco ad andare al bagno, non ho nemmeno lo stimolo ma ho comunque un po’ di mal di pancia. Ho provato ad assumere un lassativo naturale “le 12 erbe” ma non ho avuto nessun effetto ed inizio a preoccuparmi, in questi giorni inoltre ho capogiri, la cosa può essere collegata? Cosa mi consiglia di fare?
    Grazie Pamela

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Senza dubbio è necessario tornare ad un’alimentazione più equilibrata e soprattutto ricca di fibre; beva molto, mentre per sbloccare la situazione valuti con il medico o con il farmacista un rimedio sintomatico (come supposte di glicerina, microclismi o simili).

  3. Anonimo

    salve stavo leggendo informazioni su questo forum e penso che sono abbastanza di aiuto alle persone,spero che puo darmi anche a me qualche consiglio.
    praticamente sono appena tornato da una settimana di ospedale dove mi hanno dato molti farmaci antibiotici e vari lavaggi e in piu proprio ieri ho rifatto di nouvo anche una gastroscopia con richiesta di biopsia come un anno fa per delle angiodisplasie speriamo bene come l’ultima volta.
    il mio problema e’ che ho fatto un tappo e non riesco a liberarmi oggi ho provato con una supposta di glicerolo ma e’ stato massacrante sono stato mezz’ora nel bagno stavo quasi svenendo ed per disperazione ho anche usato le dita ma non ha funzionato solo piccole palline dure con l’aiuto delle dita,sono disperato e la prima volta che mi capita cosi fortte.
    leggendo i suoi consigli ho comprato delle supposte eva/q e del pursennid che contiene come principio attivo della senna,e’ una confezione di 12 cp. e’ scritto di usare 2,4 cp. al giorno.
    avevo pensato di prendere una cp. stasera e domani una supposta eva/q e qualche altra cp.
    pensi che mi aiutera’?
    grazie mille .

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi dispiace, ma non posso purtroppo avvallare o prescrivere terapie; data la situazione consiglio invece di rivolgersi (magari telefonicamente) al medico, temo che servirà un intervento più incisivo.

    2. Anonimo

      grazie ho risolto il problema con eva/q supposte avevo un bel tappo ora sto bene come prima e non sono stitico ,e’ stato l’assunzione di farmaci e il letto dell’ospedale e penso anche un po’ di tensione per la mia situazione .

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sono felice di sapere che abbia risolto.

  4. Anonimo

    Buonasera Dottore,
    ho 37 anni e da circa 15 anni utilizzo quasi quotidinamente lassativi di contatto per evacuare. ( Supposte di Glicerina). Da circa una settimana ho un problema di emorroidi di 4 grado. La ma domanda, possono i lassativi di contatto essere causa unica delle emorroidi? In quando per stile di vita, alimentazione ed altri fattori non vedo ragione per il verificarsi di tale episodio. Dal momento che il mio abuso non deriva da una necessita’ fisica ma dal bisogon psicologico di controllare l’evacuazione mi si pone ora una quesito ulteriore: come uscire da questa dipendenza?
    Grazie per la sua rispost.
    Cristina

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Ritengo che non possano essere la causa del problema, ma data la gravità sono in difficoltà nel formulare ipotesi.
      2. Servirà tanta pazienza ed una diminuzione molto graduale e progressiva delle dosi (tagliando la coda della supposta e/o scalando a quelle per bambini e poi per lattanti).

  5. Anonimo

    Salve Dottore…
    Premetto che prima di adesso non avevo mai sofferto di stitichezza, mentre è da dicembre delle scorso anno che ho problemi ad evacuare. Ho risolto con il solito misurino giornaliero di psyllogel ( è il dosaggio minimo ), ma se interrompo la cura dopo 2/3 gg. ho di nuovo difficoltà. Sinceramente vorrei poter tornare ad una regolaritá senza coadiuvanti. Premetto che la mia dieta è comunque ricca di fibre e liquidi. Qualche mese fa ho sofferto per diversi mesi di emorroidi interne di secondo grado ma attualmente sto decisamente meglio. Da circa un anno e mezzo per diminuire il mio peso corporeo ho ridotto la mia dieta ad un pasto completo suddiviso tra pranzo e cena. Ad esempio a pranzo mangio un primo mentre a cena un secondo. Questo tipo di alimentazione potrebbe essere la causa della mia difficoltà ad andare in bagno? Spesso ho anche bruciore di stomaco. Può essere l’assunzione di psyllogel a causare ciò? Due anni fa ho fatto la gastro per altri motivi ( sono un po’ ansioso ) ma non è risultato niente. Lei mi consigillerebbe una colonscopia i controllo? Sono alto 1.80 per 70 kg.
    La ringrazio anticipatamente.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Mi sembra che non ci sia bisogno di dimagrire con il suo peso attuale.
      2. Il bruciore di stomaco è un problema indipendente, che l’ansia non aiuta.
      3. Non credo che serva colonscopia.

      Ad oggi ogni quanto evacua? Se interrompesse lo Psyllogel non evacuerebbe se non con grandi sforzi, oppure semplimente la frequenza diminuirebbe?

    2. Anonimo

      Grazie Dottore…Ho 41 anni ed adesso dopo la dieta e un po’ di attività fisica sono arrivato ai 70 kg. Prima ero 76 kg…Sinceramente con la dose minima giornaliera evacuo con sufficiente regolarità ma quando provo a sospendere dopo 1/2 gg mi manca il classico stimolo e anche se mi sforzo non ottengo granché. I giorni seguenti, 3/4 gg. dopo la sospensione dello psyllogel, preso dallo sconforto riprendo il misurino fatidico ( è proprio la dose minima ) e il tutto ritorna nella norma. Dovrei secondo lei aspettare a riprenderlo, facendo si che il mio intestino ritorni a funzionare indipendentemente? Quanti giorni devo dare al mio organismo per riprendere autonomamente le regolari funzioni intestinali? Il tutto si può sbloccare da se oppure bisogna riabiturlo in maniera graduale, alternando ad esempio 1 giorno con psyllogel ed il seguente senza? È se mi fossi abituato al prodotto quali sono le controindicazioni usandolo anche in dosi minime vitanaturaldurante? Premetto che sono già diversi mesi che ne faccio uso.
      La ringrazio ancora per la professionalità e la cortesia.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Essendo fibra di fatto non sarebbe un problema usarlo anche in modo cronico, ma forse un tentativo per toglierlo (diminuendolo MOLTO gradualmente) lo farei. Ho la sensazione che oltre all’azione fisica della fibra le dia un po’ di sicurezza psicologica e quindi sia di fatto non indispensabile. È ovviamente solo una mia ipotesi.

    4. Anonimo

      Grazie Dottore..Farò un tentativo con diminuzione MOLTO graduale e poi le farò sapere. Un ultimo quesito. Smettere l’assunzione in maniera drastica e aspettare con pazienza anche qualche giorno, potrebbe essere giusto? Oppure si corre il rischio di un blocco intestinale più importante?

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Nel suo caso penso che sarebbe forse possibile, ma il rischio è proprio quello di ritrovarci in difficoltà con la possibile comparsa di emorroidi.

    6. Anonimo

      Grazie tante…

  6. Anonimo

    Buonasera Dottore!
    Io volevo chiederle un consiglio perchè sono DISPERATA. A febbraio mi hanno ricoverata per un blocco intestinale con tanto di parecchio sangue nelle feci, aria, crampi da non potermi muovere, vomito. Dopo una colon, una gastro e radiografie mi hanno detto che non c’era niente se non delle ulcerette all’intestino e un primo livello di celiachia che in campo medico non è nemmeno riconosciuto come celiachia vera e propria.
    Dopo 3 mesi in un altro ospedale, non convinti, mi rifecero sia colon che gastro e qui ancora niente, nè ulcere ma solo quel primo grado di celiachia e dell’irritazione al retto data dal fatto che il mio medico di base mi aveva prescritto l’Estilax.
    Tra una colon e l’altra, per un mese presi il Pentacol… è possibile che io abbia il Morbo di Crohn o la Colite Ulcerosa e il Pentacol abbia falsato le biopsie della colon????
    E soprattutto dottore io sono sempre gonfissima anche senza mangiare o qualsiasi cosa mangi, e da straiata non posso nemmeno tastarmi la pancia perchè mi dolora un po’ovunque… sono anche molto ansiosa e stiticissima.
    Riesco ad andare in bagno solo con Estilax (dopo la colon mi limito a prenderlo una o due volte a settimana saltuariamente) e prendo tutti i giorni Plantalax. Le ho provate TUTTE (movicol, pursennid, tavolette alle prugne e succo di prugna, le supposte mi fanno venire la tachicardia, pastiglie al rabarbaro mi fanno venire la tachicardia). Bevo 2 litri d’acqua al giorno, sono in movimento per 8 ore, purtroppo non posso mangiare molte fibre perchè mi fermentano… mi puo’dare un consiglio? La prego gliene sarei grata.
    Altezza 1.64 Peso 56.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Prima della prima colonscopia assumeva già Pentacol?
      2. Ha già eliminato il glutine dalla dieta?

    2. Anonimo

      Non ho mai preso Pentacol prima della prima colonscopia ed il mio medico ha detto che a suo parere non si tratta di celiachia siccome il mio livello è talmente basso da non essere nemmeno definibile come malattia celiaca. In ogni caso ho provato a fare dei giorni dove eliminavo il glutine ma era la stessa cosa… tutt’ora mi si gonfia la pancia indipendentemente da cio’che mangio. Un giorno posso mangiare un pezzo di formaggio e mi gonfio e ho i crampi, il giorno dopo mangio di nuovo un pezzo di formaggio e non mi accade nulla…

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Quanti giorni ha provato senza glutine? L’ha eliminato completamente? Prima di questi episodi era già un periodo stressante?

  7. Anonimo

    Una settimana senza gliutine completamente.
    Sono stressata da 4 anni a questa parte ma proprio ora che non avrei apparenti motivi di stress sto male piu’di quando invece ero effettivamente stressata… la mia dottoressa dice che lo stress colpisce proprio nel periodo tranquillo perchè l’adrenalina per combattere il periodo stressante non c’è piu’… non so che pensare

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Confermo la teoria del suo medico e suggerirei ancora 10-14 giorni di pazienza per giudicare.

    2. Anonimo

      Se posso chiederle delle ultime cose gliene sarei grata.
      1 siccome ormai sto così da un anno e passa è possibile che lo stress ossa provocare cose tanto gravi e invasive?
      2 é possibile che il morbo di crohn e colite ulcerosa portino stitichezza e che il pentacol abbia falsato i risultati?
      3 oggi ho usato il sondino per espellere l’aria e quando l ho estratto c’era del muco con un po di sangue vivo nella parte dove il sondino va più a fondo.. . é irritazione o altro?
      4 se prendo una volta a settimana estilax è un rischio? Mi scusi per il papiro ma volevo dei consigli in merito.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Purtroppo sì.
      2. Improbabile.
      3. Potrebbe essere irritazione causata dal sondino stesso, ma magari lo segnali anche al medico.
      4. Probabilmente no, ma dato il precedente sarebbe probabilmente più opportuno agire con lassativi osmotici e fibra.

    4. Anonimo

      Ho segnalato l’accaduto al mio medico di base che mi ha prescritto il Diosmectal siccome ha detto che probabilmente ho irritato il retto… ma ho visto che come farmaco porta alla stipsi e siccome io soffro già di stitichezza forte non mi è sembrato il caso di prenderlo…

      Lassativi in fibra immagino siano gli alimenti giusto? Mentre gli osmotici?

    5. Anonimo

      Prendo già Plantalax tutti i giorni ma non mi ha risolto la stipsi. Ho provato movicol, pursennid, tavolette di erbe, rabarbaro e eva-q che stranamente mi provocano tachicardia, l’unico che è abbastanza efficace pare essere estilax.

    6. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Lassativi in fibra sono integratori come Plantalax, osmotici come Movicol; sinceramente sono in difficoltà nel trovare altre strade.
      Mi ha già detto che beve abbondantemente giusto? Esercizio fisico?

  8. Anonimo

    Plantalax lo prendo tutt ora movicol l’ho preso in passato. Purtroppo il mio intestino non vuole collaborare… ed estilax è l’unica cosa che mi fa scaricare. So bene che i lassativi abituano il nostro corpo ma finché non trovano una cura non usandoli saltuariamente ho paura di un altro blocco. bevo 2 litri o 1.5 di acqua al giorno e siccome lavoro 8 ore in piedi facendo pulizie in una cucina mi viene difficile fare qualche sport siccome parto presto e torno tardi. Per andare a lavoro faccio una mezza ora di camminata complessiva.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi dispiace, ma sinceramente sono in difficoltà nell’aiutarla; non me la sento di darle il via libera con Estilax per la presenza di lassativi irritanti.

    2. Anonimo

      La ringrazio in ogni caso per a sua disponibilità dottore.

  9. Anonimo

    buonasera dottore. sto prendendo erbe drimo ogni sera 2 cucchiaini da cca 7 anni. posso continuare. ho paura che e diventata una cosa psicologica. ho 49 anni, 1.67m. 75kg. no faccio esercizio fisico . grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non posso che consigliarle di modificare drasticamente lo stile di vita (a partire da peso ed esercizio fisico) e molto gradualmente ridurre il lassativo.

  10. Anonimo

    IN CASO DI STIPSI CRONICA SI POSSONO USARE INTEGRATORI COME IL LAXINORM A VITA? A CAUSA DI BULIMIA IN PASSATO HO FATTO USO SMODATO DI LASSATIVI TIPO DULCOLAX E ATTUALMENTE OLTRE A UNA DIETA RICCA DI FIBRE CON VERDURA COTTA E CRUDA A VOLONTA’ RIESCO AD ANDARE IN BAGNO SOLO CON 2 LAXINORM AL GIORNO,MOVICOL E SUPPOSTE EVAQU.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Essendo un lassativo irritante sarebbe preferibile evitare, poi ovviamente ogni caso va valutato nel suo insieme.