Tutte le domande e le risposte per Ansia e insonnia: perchè non si riesce a dormire?
  1. Anonimo

    da un pò di tempo nn riesco a dormire la notte mi giro e mi rigiro nel letto alzandomi molte volte e cercando di distrarmi per poi riprovarci. recupero un pò durante il giorno perchè sono a casa e nn lavoro ma mi sento sempre stanca, svogliata e senza prospettive. IL CUORE MI BATTE ALL’IMPAZZATA e nn riesco a trovare una via d’uscita , mi dicono di provare a regolarizzare il sonno ma io nn riesco proprio a chiudere occhio la notte e se dovessi riuscirci mi sveglio di soprassalto come se avessi fatto un incubo. da premettere che nn sto passando un buon periodo , i problemi economici e l’impossibilità di realizzare molti dei miei progetti mi rendono triste e sfiduciata, in più soffro di acufeni continui(porto le protesi acustiche)che nn mi rendono serena perchè è come avere un rumore continuo di sottofondo che nn mi lascia tregua! grazie dell’ascolto gradirei davvero qualche consiglio , visto che oramai mi prendono in giro per il fatto di nn dormire nelle ore giuste!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La prima strategia che proverei è quella di ribaltare le ore di sonno, evitando di recuperare durante il giorno perchè questo non ha altri effetti che rendere ancora più difficile il sonno notturno.

      Purtroppo il problema è sicuramente più ampio e deriva dal malessere di questo periodo, ma sforzandosi dedicare le ore di luce a venirne fuori, innescherà un circolo virtuoso in cui anche il riposo notturno ne potrà beneficiare.

    2. Anonimo

      grazie per la risposta!

  2. Anonimo

    Gentilissimo, mi chiamo Ludovica e ho 25 anni …stanotte di punto in bianco mi sono svegliata perchè mi mancava l’aria, mi sono tirata su di soprassalto e per un attimo non ho respirato poi è tornato tutto normale… mi è già capitato altre volte ma in modo molto più lieve, invece in questo caso la mancanza d’aria è stata più forte… premetto che non sono obesa, non russo, non bevo e che questi episodi mi capitano rare volte solo quando mi addormento un pò agitata per qualche pensiero.. però mi sono molto spaventata! L’apnea notturna secondo lei può derivare da un carico di ansia accumulata in giornata? Vorrei evitare di correre dal medico per un solo episodio….grazie!!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, è possibile; tutte le volte in cui è capitato è andata a dormire con un elevato carico di ansia?

    2. Anonimo

      Grazie per la risposta, diciamo che quando mi è capitato mi sono accorta che facevo più fatica a dormire perchè ero agitata, se no di normale non mi capita mai… anche perchè da quanto so in genere capita alle persone obese o con problemi respiratori.. a mia zia era capitato quando aveva perso il lavoro per il forte stress quindi spero sia una cosa ansiosa! grazie!

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Con tutta probabilità nel suo caso sì, è di origine ansiosa.

  3. Anonimo

    Salve dottore,
    sono una ragazza di 23 anni e da 4 soffro di attacchi di panico e sono seguita da una psicologa. La sera non riesco a prendere sonno a meno che non ci sia il mio ragazzo al mio fianco.Questa reazione la mia psicologa la definisce il mio “tavor vivente”. La mia paura principale è quella di svegliarmi all’improvviso e sentirmi male, in particolare di vomitare! in passato ho beccato il virus intestinale e si è manifestato sempre di notte. con l’arrivo dell’inverno questa paura si accentua sempre di più e non so come fare. sono molto attenta alla prevenzione ma non riesco a tranquillizzarmi vorrei tanto essere più serena soprattutto la sera anche perchè durante la giornata è molto raro che mi venga un attacco di panico. saprebbe magari darmi qualche piccolo consiglio pratico x aiutarmi?
    la ringrazio.

  4. Anonimo

    Dr. Cimurro, le spiego in breve il mio problema… ultimamente perdo sempre troppo sonno. Durante il giorno mi sento flaccido e senza energia, e avverto una continua stanchezza…
    Il problema lo percepisco nel cervello: quando dormo poco mi sembra quasi di avvertire uno “strano” dolore e un senso di “annebbiamento”, non so spiegarglielo dettagliatamente, però mi sento poco bene…

    E in particolare ciò si ripercuore in tutte le azioni quotidiante: sembra quasi che non ragiono quando faccio una cosa, la faccio automaticamente senza seguire una logica… e ultimamente sto avendo scarsi risultati pure a scuola!

    E’ l’ultimo anno e quest’anno dovrei diplomarmi, fatto sta che non ho una buona media di voti come gli altri anni e questo mi preoccupa un po’… però ciò è dovuto al fatto che in classe non riesco a concentrarmi, nonostante stia in silenzio e cerco di sforzarmi le cose non riesco a capirle, è una cosa abbastanza insolita visto che di solito sono sempre andato bene a scuola.

    Ho troppi pensieri negativi in testa, vivo in uno stato di continua ansia e depressione e non riesco a essere felice con me stesso. Ciò si ripercuote nella vita quotidiana: sembra quasi che abbia sempre il bisogno di stare in contatto con altre persone e soffro di solitudine…

    Mi sento un senso di fallimento grandissimo. Essendo un tipo emotivo e non provando emozioni positive mi sento mentalmente a pezzi, non riesco più a pensare e troppi pensieri ossessivi tornano tantissime volte durante il giorno…

    Perdendo sonno a scuola sembra quasi che dorma all’impiedi, non mi viene voglia di parlare e sembra che stia lì solo per prendere la presenza, lo penso veramente visto che non mi concentro e non capisco nulla…

    Quando devo studiare non ricordo più nulla il giorno dopo, cosa che prima non mi succedeva, e per ricordare le cose fondamentali devo fare uno sforzo immane…

    Mi serviva capire se la meditazione poteva essere un efficace rimedio, il problema è che l’ho praticata ma sinora non ho avuto effetti di alcun genere… forse sbaglio in qualcosa, se mi può aiutare mi farebbe una grandissima cortesia.

    Grazie e Buon Natale!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La meditazione può essere una buona scelta, ma inizialmente forse mi aiuterei con la medicina tradizionale; ne parli con il medico, esistono antidepressivi molto leggeri e che non danno dipendenza, che potrebbe essere adatti a superare il periodo.

  5. Anonimo

    Ma l’antidepressivo non crede sia eccessivo, visto che ho solo 18 anni?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non necessariamente, ma le sostanze che ho in mente hanno azione antidepressiva senza essere i classici psicofarmaci; in ogni caso magari il medico lo riterrà superfluo, ma l’importante adesso è non sottovalutare la situazione.

  6. Anonimo

    ma lei si riferisce alla situazione dovuta al fatto che dovrò affrontare esami di Stato ecc.??

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi riferisco più in generale al fatto che il suo attuale stato d’animo sta influendo sensibilmente sulle sue attività quotidiane.

  7. Anonimo

    Ma sa dirmi se è per caso una cosa che capita spesso oppure è piuttosto grave? E per un adolescente è più difficile uscirne rispetto ad un adulto visto che non ha “esperienza emotiva” sufficiente per poterne uscire?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non è una situazione grave, ma a mio avviso non deve essere sottovalutata; non farei differenze tra adulti e lei.

  8. Anonimo

    Ok, la ringrazio, gentilissimo Dottore… in questo momento visto che sono in vacanza mi sento più rilassato e sicuramente meglio, ho anche la possibilità di dormire di più durante il giorno… il problema è che poi tale fatto probabilmente si ripresenterà quando riprenderò la scuola: stress, ansie, mancanza di sonno… spero comunque che questi antidepressivi consigliati da lei possano funzionare.

    Una Buonanotte!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi tenga al corrente; in ogni caso non è detto che il medico sia dello stesso mio avviso, magari riesce a risolvere anche senza farmaci.

    2. Anonimo

      Caro dottore quando vado a scuola e svolgo sempre questa solita routine dormo facilmente..il problema è quando sono in vacanza mi sveglio sempre tardi e quindi mi tocca restare svegli fino a tardi stando col celluare e passare un po di tempo ma mi dicono che stando con il pc o cellulare peggiora la situazione..cosa potrei fare?soffrirei d insonnia?comunque avvolte mi capita di avere fastidio ai piedi e anche per questo mi causa ansia..e quando diciamo mi capita queato dormo faticando e ho parecchi sbalzi d umore al mattino e sono piu strana del solito..cosa potresi e come potresti aiutarmi e consigliarmi?Grazie mille.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La soluzione più efficace sarebbe mantenere gli stessi orari di quanto va a scuola.

  9. Anonimo

    La camomilla riesce a far dormire?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Può aiutare.

  10. Anonimo

    Salve dottore,
    Sono una ragazza di 20 anni,Da qualche tempo non riesco a dormire bene,tutto è iniziato nel andare a dormire all’alba,non riuscivo semplicemente a prendere sonno…Poi dopo un pò di tempo è arrivata l’ansia , ora spesso all’insonnia si aggiungono pensieri e paure e molto spesso mi ritrovo con il cuore a mille e piango per almeno 10 minuti di seguito.Ormai ho orari ”sballati” del tipo addormentarmi alle 03.00 e svegliarmi anche alle 14:00.Fin’ora non ho preso precauzioni specifiche,ho sempre cercato di uscirne da sola ma purtroppo sta peggiorando giorno dopo giorno.Vorrei quindi provare a seguire i suoi consigli prima di fare una visita specialistica, lei cosa mi consiglia?
    Grazie Mille
    Cordiali saluti

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Lavora?
      Studia?