Processionaria del pino: eritema, sintomi e rimedi

a cura di Dr. Roberto Gindro -Ultimo Aggiornamento: 7 luglio 2018

Introduzione

La processionaria del pino (in alcune regioni chiamata “Gatta Pelosa”) è un insetto distruttivo che attacca tutte le specie di alberi del genere Pinus; il nome nasce dall’abitudine delle larve di spostarsi in rigorosa fila indiana, formando una sorte di “processione” che talvolta si estende anche per diversi metri di lunghezza.

Fotografia di una fila di bruchi

,

La larva misura circa 4 cm, è ricoperta di peli di colore bruno con macchie rossastre e una fascia giallastra.

L’interesse medico di questo insetto nasce dal fatto che usa come forma di difesa numerosi peli, urticanti al contatto con la pelle; la probabilità maggiore di incontrarla è nei mesi primaverili, tipicamente attorno a marzo-aprile, ma in alcuni casi fino a luglio ed oltre, quando le larve escono dai nidi.

Toccare una processionaria causa una forte dermatite da contatto (allergia) e, nei casi più gravi, sintomi anche molto più severi.

Spesso il parassita è causa di gravi reazioni anche negli animali, soprattutto nei cani, che annusando il terreno possono venirne a contatto sviluppando reazioni anche gravi. L’eventuale ingestione può addirittura essere fatale.

Cause

Purtroppo l’eritema non si manifesta solo per il contatto diretto con l’insetto, ma è sufficiente frequentare le zone in cui questo è diffuso perchè i peli si trovano sospesi nell’aria e si depositano su uomini, animali e terreno. La processionaria è in grado infatti di liberare nell’aria migliaia di peli urticanti quando viene molestata.

È abbastanza facile riconoscere le zone infestate da questi insetti per la presenza di nidi setosi di colore bianco sviluppati sulle terminazioni dei rami dei pini.

Fotografia dei nidi della processionaria sui pini

Di Mangatome – Opera propria, ,

Sintomi

Quando i peli urticanti vengono a contatto con la pelle può comparire un fastidioso eritema papuloso (una papula è un piccolo rilievo della pelle, senza liquido al suo interno) accompagnato da rossore, bruciore ed un forte prurito che può durare diversi giorni. Più raramente si manifestano bolle o vescicole, segno in genere di reazioni più gravi.

Più gravi sono le conseguenze quando i peli, od anche i loro frammenti, vengono a contatto con le mucose (occhio, naso, bocca) o peggio quando penetrano le vie respiratorie e/o digestive (venendo cioè inalati o deglutiti); per esempio sono comuni le congiuntiviti da processionaria, caratterizzate da rossore, prurito, fastidio ed abbondante lacrimazione.

Quando invece i peli vengono respirati può manifestarsi asma.

I sintomi possono comparire anche molte ore dopo il contatto, quindi non è sempre intuitivo risalire alla causa, e durano per diversi giorni.

Quando chiamare il medico

In genere non è indispensabile la valutazione medica, perché l’eritema da processionaria tende a risolversi spontaneamente entro qualche giorno; utile invece rivolgersi al pediatra quando si manifesta la reazione allergica nei bambini.

In caso di reazioni molto estese, o quando ad essere interessati sono occhi, bocca o le vie respiratorie/digestive, diventa invece indispensabile rivolgersi al medico/pediatra o, nei casi di sintomi sistemici gravi (mancanza di respiro, vomito, abbassamento di pressione, malessere generale, …), si raccomanda di rivolgersi urgentemente al Pronto Soccorso.

Pericoli

In genere non si va incontro a particolari rischi, ma in soggetti sensibili sono stati descritti casi di shock anafilattico, caratterizzato da:

In rari casi si possono verificare danni permanenti alla vista se i peli urticanti vengono a contatto con gli occhi.

Cura e terapia

In caso di contatto si consiglia di:

  1. fare una doccia, lavarsi i capelli e cambiare gli abiti (maneggiandoli con i guanti) sui quali potrebbero ancora essere presenti peli urticanti,
  2. evitare di grattare le zone colpite per non aumentare il prurito e l’infiammazione,
  3. lavare gli abiti contaminati ad almeno 60° maneggiandoli con i guanti,
  4. valutare l’uso di rimedi antiallergici topici (creme e geli),
  5. recarsi dal medico, al protrarsi dei sintomi.

La terapia viene calibrata in base alla gravità dei sintomi, il farmaco di elezione è il cortisone da applicarsi localmente (crema) o da somministrarsi per via sistemica (orale o in fiale da iniettare).

Utile evitare l’esposizione al sole dell’eritema.

Prevenzione

La prevenzione consiste semplicemente nell’evitare zone infestate dalle larve e dall’uso di indumenti lunghi a protezione della pelle; ovviamente da evitare il contatto diretto nel caso di incontro con l’insetto.

Aderiamo allo .

Articoli correlati
Domande e risposte
  1. Anonimo

    No non mi ha detto nulla riguardo a complicazioni mi ha addirittura detto che io sono il primo caso capitato da quando lui fa l’oculista io gli pure chiesto se dopo la terapia ho bisogno di un ulteriore controllo ma lui mi ha risposto di no ora sono passate 24 ore sono bendato e ho ancora un forte bruciore con continua senzazione di punzecchiamenti nella parte superiore dell occhio temo in un peggioramento rovinandomi l’occhio

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Il bruciore è migliorato, peggiorato o rimasto uguale?

  2. Anonimo

    Il bruciore non e aumentato. Ma mi puge dentro specialmente se giro l’occhio a destra e sinistra non so se e perche e irritato o perche ci potrebbe essere ancora qualcosa ma quando lo medico se alzo la palpebra non mi punge piu

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Probabilmente è il decorso normale, serve tempo affinchè passi la grave irritazione, ma in caso di peggioramenti o sintomi anomali torni in PS.

    2. Anonimo

      Quindi non è il caso di preocuparmi troppo ?

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Al momento, da come descrive, credo di no.

  3. Anonimo

    è possibile che questa infezione si annidi in mobili vecchi e inutilizzati da tempo ? il fenomeno di pruriti fortissimi etc: da Lei descritti sono comparsi dopo l’inizio delle pulizie per le vacanze. Cosa ne pensa? Grazie per la risposta che mi darà: sto impazzendo….

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      No, non può essere processionaria.
      Ha mai manifestato allergia alla polvere?

  4. Anonimo

    Salve abbiamo trovato le processionarie nel nostro giardino una settimana fa, dopo qualche giorno abbiamo fatto la disinfestazione(avendo anche tre cani). il giorno dopo che le abbiamo trovate io ho cominciato ad avere mal di gola (lo stesso giorno ho avuto un forte mal di testa e nausea -ma le ho collegate al ciclo in quanto mi è venuto il giorno seguente). oggi con la gola ancora irritata e la difficoltà a deglutire, in particolare di notte, mi sono rivolta al medico che mi ha prescritto dell’antibiotico (specifico che non aveva mai sentito parlare della processionaria). la gola è arrossata e con una sola piccola placca, io ho un po’ la sensazione di occlusione ma respiro bene. fra un paio di settimane parto per il brasile e starò vie due mesi vorrei esser tranquilla di esser guarita. è il caso che mi muova ora per una visita più approfondita o comunque non ci sono pericoli ed è sufficiente attendere? grazie
    una buona serata

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Direi che non dovrebbero esserci legame con l’insetto.

    2. Anonimo

      ho letto che fra i sintomi ci sono gola irritata e fatica a deglutire.. non è così? oppure devono essere altri i sintomi in caso di inalazione/ingestione?
      (mi informo per bene perchè oggi abbiamo rinvenuto, nonostante la disinfestazione, altre processionarie)

      grazie

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se sono ancora presenti non è impossibile, ma lo ritengo improbabile alla luce del fatto che non ci sono altri sintomi cutanei e relativi all’occhio.

  5. Anonimo

    Buongiorno, ho trovato un bel po di queste bestiolie sulla pianta di noce di fronte a casa, oltretutto belle belle se ne stanno salendo sulla facciata (e non è un bel vedere)
    Sono preoccupata per gli animali domestici che tranquillamente girano e soggiornano sul prato sottostante la pianta.
    Esiste qualche rimedio empirico naturale per allontanarle o serve chiamare per dIsinfezione apposie ditte??
    Resto in attesa, GRAZIE

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Data la loro pericolosità valuterei di affidarmi a ditte specializzate, per provare ad agire anche alla radice del problema.

  6. Anonimo

    Se dovesse capitarmi di toccarlo accidentalmente che farmaci dovrei usare?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Lavi bene e applichi ghiaccio; in base all’entità della reazione si valutano antistaminici e/o cortisonici (localmente e/o per bocca).

  7. Anonimo

    Cosa posso tenere in casa da usare in caso di emergenza se il mio cane dovesse venire a contatto con la processionaria?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sicuramente una siringa senza ago con cui sciacquare abbondantemente la zona di contatto ().
      Può poi valutare con il veterinario di tenersi del cortisone, ma la visita urgente è di norma sempre indispensabile.

  8. Anonimo

    Possibile che si annidino in vecchi solai e cantine?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non che io sappia, salvo eccezioni.

  9. Anonimo

    Come posso provvedere io stesso alla disinfestazione del giardino quando saremo in stagione? Li vedo tutti gli anni…

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      No, non è consigliabile; servono indumenti e strumenti adatti per evitare il rischio di farsi e fare male ad altri disperdendo nell’aria particelle urticanti.