Stitichezza: dieta e altri rimedi naturali

Ultimo Aggiornamento: 147 giorni

La stipsi (o ) è un disordine dell’attività motoria dell’intestino che provoca una diminuzione del transito delle feci: esse diventano più dure, quindi il transito è ostacolato e l’espulsione più difficoltosa. Il numero di evacuazioni nella popolazione occidentale è normalmente compreso fra tre al giorno e tre alla settimana, si parla quindi di stipsi vera e propria quando la frequenza è minore di quest’ultimo margine.

La difficoltà di evacuazione non è solo un disturbo che causa disagio nelle persone, può anche generare problemi di salute più gravi, come ad esempio

è quindi fondamentale evitare la cronicizzazione di questa condizione operando nel migliore dei modi possibili, soprattutto a livello alimentare.

Esiste anche una stipsi fisiologica, quando questa è data da un repentino cambio di abitudini della persona, ad esempio passare molto tempo sdraiati durante una malattia, viaggi, bruschi cambiamenti della dieta, gravidanze… Quando si presenta in concomitanza di queste e altre condizioni è generalmente temporanea.

La stipsi cronica può essere classificata in tre gruppi:

  • Atonica: è la più frequente ed è causata da una generale debolezza della muscolatura intestinale. Sono state proposte varie possibili origini:
    • alimentari (soprattutto per mancanza di fibre),
    • vita sedentaria,
    • ignorare lo stimolo della defecazione,
    • uso frequente di lassativi.
  • Spastica: il colon subisce spasmi che possono portare a dolori di tipo colico.
  • Rettogena: l’ultimo tratto dell’intestino, il retto, non manda lo stimolo della defecazione.

La dieta gioca un ruolo estremamente importante perché l’abbondanza di fibre e di acqua dell’alimentazione causa un rigonfiamento del volume fecale

  • sia perché le fibre assorbono acqua,
  • sia perché attivano le fermentazioni batteriche.

Questo aumento di volume fecale distende i muscoli intestinali, che reagiscono contraendosi e facilitando quindi la mobilità dell’intestino.

Più nel dettaglio esistono due tipi di fibra:

  • solubile (contenuta nella maggior parte di frutta e verdura),
  • insolubile (contenuta nella crusca, quindi rintracciabile in pasta e pane integrali, e nei cereali integrali in chicchi come orzo e farro).

Questi due tipi di fibra giocano un ruolo importante nella motilità gastrointestinale, il primo diminuendo la velocità di passaggio tra stomaco e intestino (generando, tra l’altro, un senso di sazietà più durevole) e aumentando le fermentazioni batteriche, il secondo riempiendosi di acqua negli ultimi tratti dell’intestino crasso, aumentando quindi di volume e facilitando l’espulsione delle feci.

La stipsi può anche essere secondaria ad altre condizioni, ad esempio alcune patologie come il morbo di Parkinson, la diverticolite, la sindrome di Down… e anche ad alcuni farmaci, ad esempio oppioidi, analgesici, diuretici e altri.

L’intervento nutrizionale ha i seguenti obiettivi:

  • Aumentare il volume totale di cibo ingerito e aumentare la quantità di liquidi.
  • Aumentare il contenuto di fibre nella dieta.
  • Aumentare le secrezioni dell’intestino, effetto che si può ottenere tramite l’ingestione di cellulosa e lattosio (per chi non è intollerante!), ovvero alimenti vegetali e latticini.

Possiamo poi pensare di assumere liquidi tiepidi più volte al giorno, consumare frutta, dividere i pasti in più occasioni durante la giornata (5 o 6 pasti al giorno).

In caso di stipsi spastica si deve però evitare la fibra cruda, che potrebbe causare gli spasmi, e consumare quindi solo verdura cotta; limitare gli stimoli chimici (no a caffè, tè e altre bevande eccitanti) e termici; abbondare con acqua e non rinunciare agli alimenti grassi, per un effetto lubrificante.

Se l’origine è rettogena, infine, il medico deve intervenire sulle cause della disfunzione intestinale, la sola dieta non è sufficiente.

Oltre a queste indicazioni alcune norme generiche per evitare questo disturbo sono

  1. una buona attività fisica (che aiuta lo sviluppo dei muscoli intestinali),
  2. abituarsi a orari regolari per l’evacuazione,
  3. usare con cautela lassativi e purganti

e, se necessario, risolvere con un esperto gli eventuali problemi dati da stress o preoccupazioni quotidiane.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Salve dottore,ieri mattina sono andata in bagno oggi pomeriggio mi girava la testa e senso di nausea e sonno andata di nuovo in bagno ma perché mi accadono questi sintomi?cosa dovrei fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È purtroppo un po’ vaga come situazione, sono i giramenti di testa che la preoccupano? Da quanto tempo si verificano?

    2. Anonimo

      Da pomeriggio verso le 17:15.. il problema è che ho un pó di nausea. E mi sento lo stomaco sotto sopra.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente si tratta di una forma virale, ma ovviamente verifichi anche con il medico.

    4. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, concordo col Dott. Cimurro, se dovesse peristere o peggiorare il quadro clinico si faccia visitare.

    5. Anonimo

      Buona sera sono 5 giorni che non faccio cacca ma faccio aria.non mi era mai capitato prima cosa posso fare?

    6. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Fa una dieta equilibrata, con frutta e verdura? beve abbastanza? altrimenti queste sono le prime accortezze da prendere, altrimenti può provare con delle supposte di glicerina.

  2. Anonimo

    Salve, credo di soffrire di stipsi rettogena, infatti ho le feci molli, ma non sento lo stimolo finale e quindi uso microclima. Faccio attività fisica ma sono allergica al nichel, quindi assumo poche fibre e poco integrale, ho spesso la pancia gonfia ma non elimino l’aria in eccesso, cosa mi consiglia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Serve prima di tutto una diagnosi certa, si rivolga con fiducia a un gastroenterologo per fare il punto della situazione.

  3. Anonimo

    Buongiorno dottore poco fa mi è venuto un gran mal di pancia seguito da un attacco di dissenteria, non riesco a capire perché dato che ieri comunque non ho mangiato niente di particolare, ho mangiato un paio di crocchette di pollo e una mela a pranzo, e del pan bauletto con il salame a cena. Dopo di che ho preso in brufen per il mal di testa. Verso le 00.00 mi sono fermato in una pizzeria al taglio e ho preso uno spicchio di pizza, uno di numero. La pizza era un po strana; era un po fredda in alcuni punti, ma alla fine non ci ho fatto molto caso e l’ho mangiata. Verso le 4 di questa mattina sentivo la mia pancia che si girava su se stessa, e io conosco benissimo il mio organismo, avevo capito che c’era qualcosa che non andava nella pancia; alchè ho bevuto una bella camomilla con il limone e ho preso anche i fermenti lattici come prevenzione, così da farmi dormire almeno un po. Ora però sono attaccato al Wc perché sento la pancia che si gira e si rigira su se stessa e non appena mi alzo mi viene nuovamente lo stimolo. Cosa mi consiglia dottore? Cosa posso fare per farla passare? Inoltre secondo lei è un virus o è solo a causa dello spicchio di pizza strano che ho mangiato ieri notte?
    Attendo risposta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Anche se non è la causa del malessere, mi permetto di consigliarle di puntare ad una dieta migliore.
      2. Potrebbe essere un virus se continuano le scariche.
      3. Utile continuare con i fermenti.

  4. Anonimo

    Buonasera dottore volevo chiederle una cosa. Ieri sera io e dei miei amici siamo usciti e siamo andati in discoteca, io dovevo guidare inoltre sono praticamente astemio quindi non bevo praticamente nulla. Gli altri miei due amici hanno bevuto tutta la sera, hanno bevuto 3 birre e 7 shot a testa (shot pesanti come mirto, limoncello, vodka) tutta senza mischiare con soda o cose del genere, proprio tutto puro. Sono stati bene tutta la notte, erano tranquilli, stamattina solo uno dei due è stato male, si è svegliato alle 15.00 e stava bene, dopo pranzo ha iniziato ad avere nausea e alle 18.30 ha vomitato, sembra mia stesse meglio ma poi ha continuato a stare male e ha vomitato nuovamente. Ha vomitato il pranzo, succhi gastrici insomma… Secondo lei dottore si tratta di un virus o dei postumi della sbronza? Inoltre io sono stato a contatto con lui perché la seconda volta che ha vomitato l’ho soccorso io, poco fa insomma, poi in macchina avevo il riscaldamento al massimo perché aveva freddo e quindi l’aria che girava era sempre la stessa per i primi 5 minuti, poi ho lasciato aperto un finestrino per far arieggiare, secondo lei, qualora fosse un virus, mi ha contagiato? Entro quanto me ne accorgo? E entro quanto posso reputarmi fuori pericolo qualora non mi avesse contagiato? Attendo risposta grazie mille dottore.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In 24-48 ore ce ne accorgiamo, per il resto sarebbe come tirare ad indovinare.

    2. Anonimo

      Ho appena sentito il mio amico, mi ha detto che sta meglio che non ha più nausea e che ha solo mal di testa, non ha più vomitato dalle 19.00… Considerando ciò è più probabile che si tratti dei postumi no ?

    3. Anonimo

      Mi ha detto che ha mangiato un pezzo di pizza e ha bevuto acqua e si è ripreso, ora ha solo mal di testa ed è un po’ rimbambito ecco.

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Vorrei davvero poterle dare una risposta certa, ma come detto sarebbe come tirare ad indovinare.

  5. Anonimo

    Buongiorno dottore, perdoni l’orario… Era da qualche giorno che non mi sentivo bene con la gola e quindi, prima di prescrivermi antibiotici, ho utilizzato locabiotal per la gola, per tre giorni ha funzionato benissimo, il mal di gola non c’era più… Il problema però è che mentre lo utilizzavo, la sera tendevo a fumare qualche sigaretta, e ieri, purtroppo, ne ho fumata qualcuna di troppo; così mi sono ritrovato con la gola super irritata, indolenzita e secca. Oggi durante il giorno è andata meglio e ho fumato un paio di sigarette, a distanza di qualche ora dopo averle fumate iniziò ad avere una tosse secca stizzosa, ossia quella che ho tutt’ora, accompagnata da mal di gola in quanto la mia gola è irritata, mal di stomaco (in quanto ne soffro), mal di pancia e spossatezza. Mi sono addormentato alle 04.00 per via della tosse e alle 05.00 mi sono svegliato di punto in bianco tutto sudato, con una grande nausea e con tosse e mal di gola; inutile dire che dopo chiamo il mio medico, ma purtroppo oggi ha il turno serale perciò andrò dal medico solo dopo le 16.00 quindi se prima di quest’ora lei dovesse leggere questo messaggio, non so, mi dica se secondo lei è tutto ok, se mi sto ammalando, se ho mangiato qualcosa di male per il mal di stomaco (ho cenato pizza, e per ovviare alla nausea e al reflusso prendo il gaviscon advance) perché io non vorrei ammalarmi, sopratutto quando qui da me in Sardegna ci sono ancora 17/18 gradi quindi non c’è ancora motivo di basse temperature per ammalarsi… L’unica cosa che mi interessa però è che non si tratti di un virus intestinale, non vorrei vomitare… Temo tantissimo questo fatto… Speriamo bene… Lei che dice??
    Ps. Da qualche giorno a questa parte mi tira spesso lo stomaco, come se avessi fame, ma non ho fame, il più delle volte mi tira proprio subito dopo aver finito di mangiare… Non capisco cosa sia… Secondo lei è legato all’uso del locabiotal? Perché è l’unico farmaco che ho usato in questi giorni… A presto dottore, attendo risposta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Reflusso e sindrome parainfluenzale, a mio avviso nulla di più, e non dovrebbe esserci il rischio di vomitare; bene comunque verificare con il medico dopo numerosi giorni di mal di gola, anche se non continuo.

  6. Anonimo

    Buongiorno dottore, stamattina non so perché ma non mi sento molto bene… Ieri sono andato a mangiare una pizza in pizzeria e questa pizza era davvero enorme, fatto sta che ne lo lasciato circa 1/4, appena tornato a casa ero tranquillo, sono andato di corpo e mi sentivo bene, sembrava anche che fossi riuscito a digerire bene quella pizza gigante. Mi sono addormentato verso le 3.00 di questa mattina e alle 7.30 mi sono svegliato perché sentivo dolore al petto, come una sorta di reflusso, siccome non è la prima volta che capita, ho preso un gaviscon advance, sono rimasto qualche minuto seduto sul letto e poi mi sono nuovamente sdraiato è addormentato. Mi sono appena risvegliato e continuò ad avere dolore al petto, pesantezza e nausea, accompagnato da un mal di pancia strano in quanto mi vengono crampi improvvisi e voglia di andare di corpo, ma non appena vado al bagno passa tutto… Inoltre ho anche brividi di freddo… Non so cosa possa essere… Secondo lei dottore?
    Può essere qualche virus? Qualche cosa strana?? Sono un po’ spaventato. Mi faccia sapere… Grazie mille

  7. Anonimo

    Buongiorno dottore. Ieri sera con degli amici siamo andati a cenare in un locale dove facevano carne, tutti e quattro stamattina siamo andati di corpo, scusando il termine, possentemente. Io però nel giro di due ore sono andato di corpo circa tre volte nonostante abbia anche mangiato meno degli altri, tutte e tre le volte inoltre sono state possenti insomma. Ho preso dei fermenti lattici ma è come se non li avessi presi, alche la
    Dottoressa mi ha detto di prendere due bustine di diosmectal a stomaco vuoto (prese poco fa) però dottore io mi sento strano, ho piedi e mani freddi, orecchie bollenti nonostante comunque ci sia una temperatura intorno ai 25/26 gradi; inoltre mi sento strano in generale, spossato, possibile per il fatto che sia andato così tante volte di corpo e perché ho dormito male e poco stanotte? (Dalle 2 alle 5 in una poltrona) non è che è qualche virus? Mi faccia sapere il suo parere dottore la prego.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Rimanga vigile sui sintomi, se peggiorassero e/o comparisse febbre contatti nuovamente il medico.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se anche i suoi amici hanno avuto gli stessi sintomi probabilmente sono stati causati da qualcosa nel pasto.

  8. Anonimo

    salve dottore ho dei dolori adominali perche sono stitica facio attivita fisica tutti i giorni per 5-6 km.vado al bagno solo 1-2 volte a setimana e grazie a delle suposte e alle pilole di lunga vita che cosa devo fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mangia frutta e verdura? Beve a sufficienza durante il giorno?

La sezione commenti è attualmente chiusa.