Ferro alto e basso, alimenti e sintomi

Introduzione

Il ferro è un minerale di cui il nostro organismo necessita per funzionare correttamente:

PUBBLICITA'

Il corpo ha bisogno di disporre della giusta quantità di ferro perchè

A differenza di altri nutrienti l’eccesso di ferro non può essere escreto dal corpo umano, per questo motivo non si dovrebbero assumere integratori di questo metallo senza il preventivo parere del medico.

Alimenti ricchi di ferro

Quando si parla di ferro le classiche tabelle in cui viene riportato il contenuto medio del minerale nei vari alimenti possono trarre in inganno, perché ad essere assorbita in questo caso non è mai l’intera quantità disponibile, ma solo una frazione più o meno significativa determinata dalle caratteristiche dell’alimento e dai cibi consumati in accompagnamento.

Tutte le fonti più autorevoli citano l’esempio degli spinaci, alimenti effettivamente piuttosto ricchi di ferro, ma legato ad altre sostanze in grado di limitarne significativamente l’assorbimento.

La principale differenza è tra le due forme in cui si può trovare il minerale nella dieta:

In altre parole non conta tanto la quantità di minerale presente, quando la sua biodisponibilità (ossia la frazione effettivamente utilizzabile dall’organismo).

Il ferro si trova naturalmente in molti alimenti e nella maggior parte delle situazioni è possibile assumere la necessaria quantità attraverso la sola dieta, anche nel caso di soggetti vegani, avendo cura di seguire una dieta varia ed equilibrata.

Alimenti ricchi di ferro sono:

Per aumentare la quantità di ferro assorbita è possibile ricorrere a qualche piccolo trucco, consumando per esempio specifici alimenti in grado di favorire la biodisponibilità.

Allo stesso modo esistono alimenti in grado di ridurre la quantità di ferro che può essere utilizzata.

iStock.com/piotr_malczyk

Fabbisogno

Secondo i l’assunzione giornaliera raccomandata di ferro dovrebbe essere la seguente:

Carenza (ferro basso)

La valutazione della quantità di ferro nell’organismo viene fatta attraverso gli esami del sangue, in particolare dosando:

Nel caso in cui entrambi i valori siano più bassi del limite inferiore in genere viene diagnosticata la carenza di e questa si traduce spesso in anemia (riduzione della quantità di emoglobina).

Differenza tra carenza di ferro ed anemia sideropenica

Cause

La cura viene formulata in base alla causa.

Sintomi

Sul breve periodo una carenza di ferro non causa sintomi significativi, perchè in genere l’organismo riesce a compensare attraverso le scorte accumulate in muscoli, fegato, milza e midollo osseo.

Quando anche le scorte dovessero diminuire inizierebbe a comparire anemia (diminuzione dei livelli di emoglobina e della dimensione dei globuli rossi), che sarebbe causa di una riduzione della quantità di ossigeno trasportata dai polmoni al resto dell’organismo, che a sua volta potrebbe diventare causa di sintomi tangibili.

In questo caso i sintomi da carenza di ferro diventerebbero:

Cura

Per chi è anemico assumere una quantità sufficiente di ferro nella dieta è un modo facile e naturale per iniziare a sentirsi meglio, tuttavia possono essere necessari integratori per aumentare i livelli di ferro e quindi risolvere l’anemia sideropenica.

Il tempo di guarigione dipende dalla gravità dell’anemia all’inizio della terapia, dall’assorbimento del ferro nello stomaco e dal tipo di integratore prescritto dal medico.

La maggior parte dei pazienti affetti da anemia sideropenica da lieve a moderata è in grado di guarire entro 2 o 3 mesi; anche quando l’anemia è di fatto risolta, la quantità di ferro immagazzinata nell’organismo può continuare a essere scarsa, per questo motivo dopo la correzione del disturbo i medici di norma consigliano altri sei mesi di terapia con integratori di ferro per uso orale, per raggiungere la quantità ottimale di ferro immagazzinato nell’organismo. In questo modo sarà possibile prevenire le ricadute sul breve periodo.

Ferro alto

Un leggero aumento dei valori di ferro circolante causato da un’assunzione alimentare esagerata di norma non causa sintomi significativi; in caso di intossicazione da ferro, per esempio per ingestione eccessiva di farmaci o integratori contenenti la sostanza, la gravità dei sintomi è strettamente dipendente dalle quantità ingerite.

Il ferro in eccesso può diventare pericoloso per

Ricordiamo infine l’esistenza di una malattia genetica (emocromatosi) caratterizzata da concentrazioni così elevate nel sangue, da causare problemi all’organismo.

Sintomi

In caso di assunzione eccessiva (per esempio a causa di un’errata o accidentale assunzione di integratori, comune per esempio nei bambini) possono comparire i sintomi di avvelenamento da ferro che comprendono:

Cura

L’intossicazione da ferro viene trattata essenzialmente attraverso due approcci combinati:

Fonti e bibliografia

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, . Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
steroid-pharm.com

http://steroid-pharm.com

купить таблетки виагра